GIORGIA: "CANTEREI UN AMORE GAY"

di

Fabio Canino intervista in esclusiva per Gay.it la bravissima cantante, che racconta tutto di sé: insicurezze, gioie, idee, progetti. E confessa che magari, nel prossimo disco…

1394 0

ROMA. Sono andato ad intervistare Giorgia a casa sua. Ero già stato a casa sua ma sempre di notte. Arrivandoci di giorno ho notato che il suo appartamento mi ricordava la casa di un telefilm che ho molto amato, "Due cuori in soffitta". Un appartamento caldo, colorato ed accogliente. Ma non devo scrivere un articolo per Casaviva quindi…

Fabio: Non saprei proprio che dire di nuovo per iniziare, presentati da sola.

Giorgia: Mah..che dire..sono una matta. Un po’ insicura, un po’ aggressiva, perché lo devi essere, per difenderti. Cerco sempre qualcosa che neanche so cos’è. Ecco, una matta trentenne nel pieno della crisi delle donne della mia generazione.

Crisi ormonale?

Crisi generale. Penso che le trentenni di oggi siano fregate. Non ci siamo liberate dei sensi di colpa. Abbiamo come modello i nostri genitori e quindi a trent’anni dovremmo già avere un marito dei figli..pensa un po’ io non riesco nemmeno a costruirmi un rapporto serio!

Tra le cose che hai sentito dire su di te, cosa ti è piaciuto e cosa no?

Molte cose non mi sono piaciute anche perché mi sono state dette quando ero più giovane e andavo in crisi nera subito non avendo nessun tipo di sicurezza. Adesso non è che abbia acquistato molta più sicurezza, ma almeno so cosa non sono, mi conosco un po’ meglio e riesco ad accettare anche le critiche cattive, tipo quella che mi fu fatta quando avevo 23 anni: un giornalista mi definì "la cantante dei cubetti di ghiaccio". Non so perché ma ho sempre dato un po’ fastidio..

Perché sei brava.

Dici?

Dai, non mi fare la finta modesta adesso!

No. Però effettivamente ho avuto un periodo in cui ero molto chiusa, lo ero proprio nella mia vita privata. Mi proteggevo molto, anche dalle amicizie, dalle persone nuove. Vivevo anche con una persona che mi portava a questo, ad una sorta di isolamento e quindi ero chiusa anche quando cantavo. Poi la vita ti porta a fare nuove esperienze, prendi coraggio, fai delle scelte, cambi vita più di una volta, e alla fine impari ad aprirti senza aver paura.

Ed invece cosa ti è piaciuto che hanno detto di te?

Una cosa che mi piace e nello stesso tempo mi stupisce e quando qualcuno, che ha visto un concerto o ha comprato un disco, mi racconta di aver provato un’emozione.

Tu sai che io nel mio libro, Lettere alla Iena, ho parlato male (anche) di te, ma vorrei analizzare punto per punto quello che ho detto con te, ti va?

Certo!

Inizierei da un mini scoop: Io ero convinto che tu fossi assolutamente di destra…..

Un sacco di gente lo crede!! Ma non è vero! Forse lo credono perché sono tifosa della Lazio..

Ma mica tutti i tifosi della Lazio sono di destra!

No! E poi io sono tifosa della Lazio per colpa di mio padre che mi vestì da laziale quando avevo tre anni. Lui era l’unico laziale in una famiglia di romanisti. Ho sofferto come un cane! Angherie da parte di nonni, zii, cugini!!

Hai capito cosa vuol dire essere una diversa…

Esatto. Mi si è attaccata questa cosa addosso, non capisco. Figurati che mio nonno durante la guerra teneva a casa amici partigiani ed ebrei, rischiando la vita di moglie e figli… proprio per formazione non ce la farei a dare un voto ad un partito nel cui simbolo c’è la fiamma tricolore… proprio non posso… Giusto alle ultime elezioni dichiarai che votavo a sinistra perché me lo chiesero. Certo che io sono sempre fuori moda: va di moda la destra? E io dichiaro di votare a sinistra!!

Veniamo a quello che ho scritto di te. Dunque mi fa molta rabbia il fatto che una cantante brava come te, non abbia un’immagine che nella mia testa dovrebbe avere una con il tuo talento.

Leggi   Freddie Mercury: 26 anni fa la scomparsa del frontman dei Queen

Anche a me fa rabbia questo. Perché anch’io ho un immagine nella mia testa che secondo me, non riesco a costruire! Lo so che non basta avere una bella voce.

Ti ho poi paragonato a Mariah Carey…

Wow…

In questo senso. Anche lei bravissima, e cosciente di esserlo, quando canta ti fa dei virtuosismi continui tanto che ti chiedi: ma che cazzo sta cantando!!?? Basta! Lo sappiamo che sei brava! Cantaci la canzone!

(ride!) Ma quello è un fatto di formazione artistica. Capisco che tu vai al concerto e vuoi sentire la canzone come la conosci, però io sono cresciuta ascoltando quel tipo di musica. Pensa che io quando vado ai concerti cerco proprio la versione diversa da quella dei dischi. Probabilmente mi sono calmata ultimamente da quel punto di vista…

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...