JACKO: UN VIDEO LO SCAGIONA

di

Mentre impazzano voci e gossip, i legali annunciano di avere un asso nella manica: la dichiarazione registrata del 12enne e di sua madre che negano che la popstar...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


LOS ANGELES – I legali di Michael Jackson sarebbero in possesso di una prova che scagionerebbe la popstar dall’accusa di violenza sul 12enne (di cui alcuni tabloid scrivono anche nome e cognome). E’ questa la più importante novità nello scandalo che ha colpito la popstar americana, mentre impazzano le ‘voci’ più o meno controllate sui retroscena del caso. Il ‘Daily Mirror’ afferma che Jackson avrebbe tentato di comprare il silenzio della famiglia del 12enne. Altri assicurano che la popstar, gia’ fragile psicologicamente, sarebbe sull’orlo di una crisi nervosa. E tra gli accusatori rispunta Robert Wegner, ex guardia del corpo nei primi anni Novanta, che assicura di aver visto passare per il Neverland Ranch circa 300 ragazzini, tutti vittime di avances da parte della popstar.
Nel corso della perquisizione della polizia la scorsa settimana al Neverland Ranch sarebbe stato ritrovato un video in cui compaiono bambini che hanno frequentato la sua dimora (ma non si tratta di immagini a sfondo sessuale), lettere e poesie d’amore scritte dalla star a un ragazzo. Il video sarebbe stato girato da Marc Shaffel, noto per i suoi film hardcore e gay in cui arruola attori che sembrano molto piu’ piccoli della loro eta’. Secondo il ‘Daily telegraph’, proprio le lettere sarebbero di vitale importanza per lo svolgimento delle indagini.
Ma il team di difesa di Jacko sta preparando la propria strategia puntando su una dichiarazione registrata in cui il 12enne e sua madre dicono che la pop star non si e’ mai comportata in mondo inappropriato con Gavin. L’avvocato Mark Geragos sarebbe in possesso di questa dichiarazione dallo scorso febbraio ed e’ proprio da allora che starebbe lavorando al caso, molto prima che l’indagine sulle molestie sessuali divenisse di dominio pubblico. Lo stesso Jackson è intervenuto sul suo sito internet ufficiale, ‘MJNews.us’, per la prima volta dopo la tempesta: “Le accuse contro di me sono una grande bugia. Non vedo l’ora che finisca questo periodo orribile per dimostrare in tribunale la loro falsita’”, sono le prime parole di Michael Jackson.
“Spero di troncare le speculazioni dei media mettendo tutti i miei commenti ufficiali sul sito – annuncia Jackson nel messaggio indirizzato a fan, amici e parenti – Ho creato questo sito web in modo da farlo diventare fonte ufficiale delle comunicazioni che mi riguardano. Ogni comunicato che non appare su questo sito deve essere considerato non autorizzato”.
Jackson si rivolge ai fan dicendo che hanno tutto il diritto di dubitare quando leggono frasi attribuite a lui dette da amici, portavoce e segretari. “Con poche eccezioni – spiega – la maggior parte di costoro stanno semplicemente riempiendo un vuoto disperato nella nostra cultura che mette sullo stesso piano l’apparenza e la realta’”.
Tuttavia l’effetto Jackson si fa sentire pesantemente sulle vendite di ‘Number Ones’, almeno in Italia. La classifica AcNielsen, che esce oggi, boccia ‘Number Ones’, il cd di Michael Jackson uscito lunedi’ scorso che raccoglie i suoi singoli piu’ venduti. Il disco occupa, per il momento, soltanto il 22esimo posto della classifica degli album piu’ venduti con un esito ben diverso dalle altre nuove uscite settimanali, anche se per una valutazione complessiva dell’andamento discografico del cd bisognera’ aspettare comunque le prossime settimane perche’ il disco ha avuto solo cinque giorni di rilevazione utili per la classifica. In attesa dei dati americani, invece, ‘Number ones’ vola in Inghilterra: la raccolta ha scalato le classifiche conquistando la vetta della graduatoria degli album.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...