Madonna indagata dai servizi segreti per aver detto: “Ho pensato di far esplodere la Casa Bianca”. Il chiarimento della popstar

di

"La mia era una metafora: l’unico modo per cambiare le cose è quello di farlo attraverso l’amore".

9653 0

Madonna non le ha mandate certo a dire alla Women’s March on Washington.

Madonna ha fatto infuriare mezzo mondo con le affermazioni fatte durante il suo discorso contro l’elezione di Donald Trump (GUARDA >): “Sì, ho pensato molto a far esplodere la Casa Bianca, ma so che questo non cambierebbe nulla“.

Pare che la CIA stia “cautamente investigando” sulle affermazioni della cantante, non di certo leggere. Anche i portavoci di Donald Trump hanno rilasciato uno statement a riguardo: “I commenti come quello di Madonna sono assolutamente inaccettabili, se fossero stati fatti a Barack Obama la stampa mainstream sarebbe in subbuglio”.

La Material Girl dal canto suo ci ha tenuto a chiarire la questione in un post su Instagram: “Voglio chiarire alcune cose molto importanti. Io non sono una persona violenta, non promuovo la violenza ed è importante ascoltare e capire il mio discorso nella sua interezza piuttosto che leggere solo una frase estrapolata selvaggiamente dal contesto. Il mio discorso è iniziato con ‘voglio iniziare una rivoluzione d’amore’. Poi ho colto l’occasione per incoraggiare le donne e tutte le persone emarginate a non cadere nella disperazione, ma piuttosto a riunirsi e ad usarla come punto di partenza per l’unità e per creare un cambiamento positivo nel mondo. Ovviamente la mia era una metafora, ho condiviso due modi per vedere le cose – uno era l’essere fiduciosi e l’altro è quello rappresentato dalla rabbia e dall’indignazione, che ho personalmente percepito. Tuttavia, so che agire attraverso la rabbia non risolve nulla. L’unico modo per cambiare le cose è quello di farlo attraverso l’amore’.

 

Leggi   Fondatore di "Twinks for Trump" arrestato durante un discorso razzista
Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...