MARC ALMOND, IL DIAVOLO

di

Inghilterra: esce l'autobiografia-choc dell'artista inglese. Una vita fatta di eccessi, scandali, provocazioni

1716 0

LONDRA – E’ appena uscita in Inghilterra e si spera in una traduzione italiana l’autobiografia di Marc Almond, "Tainted life". All’inizio degli anni ’80 la sua apparizione a"Top of the pops" creò diversi problemi a chi faceva fatica ad accettare un personaggio dichiaratamente gay i cui testi parlavano di amori tentatori e disturbati e di prostituzione, di sesso fetish e di sesso casuale. Figlio del punk ma anche del glam di David Bowie, Almond esordisce con i Soft Cell, un duo elettronico che a distanza di anni influenza ancora determinate frange del nu-electro sound inglese e tedesco. Dopo questa esperienza durata cronologicamente pochi anni, forma i Marc and the Mambas per poi mettersi da solo e proporre album di facile ascolto alternati a album di torch-songs, di cover di Jaques Brel e di riflessione omosessuale (Mother Fist) con una particolare attenzione ai desideri più morbosi. Alla base di questo libro c’è la sua carriera artistica ma soprattutto la sua storia personale fatta di momenti di euforia ma anche di smarrimento e grande depressione. Oggi Marc ha superato i 40 anni ed è appena uscito da un lungo periodo di disintossicazione da alcool e droghe. Gli ultimi anni hanno segnato la sua consacrazione come artista di culto ma anche il dramma di un uomo che ha sempre vissuto di eccessi e in perfetta sintonia con la sua espressione artistica. Le sue canzoni difficilmente non trovano una collocazione nella sua vita, da "Stories of Johnny", un’ode all’eroina, a "Numbers", storia di darkrooms e cruising al buio. E’ l’uomo prima dell’artista che viene messo allo scoperto, un uomo che ha cercato i cambiamenti, avuto il successo, perso il successo, rincorso amori impossibili, litigato con il suo essere omosessuale, con il suo fisico segnato da molti tatuaggi, espressione del suo dolore. I media non lo hanno mai aiutato, è stato messo da parte dopo essere stato oggetto scandalo dei tabloid poi consacrato dalla tv che non si è resa conto della provocazione nel cantare una canzone sulla droga peggiore accompagnato da 30 ragazzini della scuola elementare. Ostilità e offese personali, attacchi anche fisici da omofobi che non accettavano nell’Inghilterra della Thatcher un atteggiamento così poco velato.

Il libro menziona tanti personaggi famosi e ne lascia da parte altri per puro rispetto, si parla poco di sesso perchè non è questo che gli interessa: anzi a volte il sesso viene visto come urlo di disperazione e ricerca di un affetto negato. Oggi, superato il momento delle droghe, riesce a confessarsi con tranquillità ma certo non ha l’aria di uno che ha trovato soluzioni ad una vita vissuta con eccessivo pathos e sempre in bilico a causa della fragilità emotiva. In tutto il mondo si è diffuso un culto, le sue apparizioni live vengono vissute con religiosità e gli artisti più sensibili fanno a gara per collaborare con lui, ma solo pochi riescono a lavorarci insieme, perchè viene richiesta altrettanta sensibilità. La sua opera discografica potrebbe sembrare ai poco attenti una serie di alti e bassi ma in realtà questo uomo non si è mai venduto al successo neanche nei momenti più leggeri. Ha anticipato i tempi della house e in pieno boom dance è uscito con album di canzoni drammatiche e album di glam rock, la voce inconfondibile lo ha reso celebre, anche a chi segue poco la musica, quando ha raggiunto la n.1 delle hits inglesi con "Something’s gotten hold on my heart" insieme a Gene Pitney. L’Inghilterra ha conosciuto due grandi cantanti omosessuali profondamente diversi fra loro, da una parte la santità british di Morrissey, dall’altra il diavolo Marc Almond che a distanza di più di venti anni fa sold out ai suoi concerti. Non stupiscano i suoi cambiamenti: leggere la sua autobiografia è come ritrovare i nostri drammi smarriti vissuti da un altro con coraggio e onestà.

Marc Almond, "Tainted Life-the autobiography", published by PAN, London (disponibile su amazon.com)

di Dirty Max – da Londra

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...