MDNA, via al tour. Per israeliani è “la Madonna della pace”

di

Madonna parte da Tel Aviv col tour che la porterà anche in Italia. I giornali la chiamano "la Madonna della pace". Critiche per la voce: "MDNA fa lavorare...

1029 0

Trentaduemila fan israeliani sono andati in delirio nella stadio di Ramat Gan (Tel Aviv) nella serata di apertura del tour mondiale ‘Mdna’ di Madonna. Dopo aver incontrato ieri una delegazione di pacifisti israeliani e palestinesi, durante il concerto la cantante ha poi lanciato un accorato appello per la fratellanza umana, affermando che dalla pace in Medio Oriente scaturirebbe una pace mondiale. "I conflitti in Medioriente devono finire – ha detto -, ci sono molte persone qui, molti miei fan che bramano la pace, anche nel mio show!". "Musulmani, Ebrei, Cristiani, Asiatici, Buddisti, Gay, Etero, siamo tutti umani", è stato l’appello per l’amore universale, peraltro già ampiamente annunciato nei mesi precedenti. "Tutti vogliamo amare ed essere amati". E oggi un giornale di Tel Aviv la osanna con un titolo vistoso, qualificandola come "la Madonna della Pace".

Sul piano tecnico, Mdna ha lasciato gli spettatori a bocca aperta per la ricchezza e la fantasia dei suoi effetti scenici. Malgrado i suoi 53 anni, Madonna ha stupito gli spettatori per la inesauribile energia e per la verve che – secondo il critico di Yediot Ahronot – la confermano una delle maggiori artiste "performers" a livello mondiale. Ma il lato musicale, sostengono alcuni giornali, non ha entusiasmato. "Mdna fa lavorare più gli occhi che le orecchie", ha sintetizzato un critico. "Se ieri c’erano particolari qualità musicali, non ce ne siamo accorti", ha rincarato un altro.

Madonna ha egualmente conquistato il cuore degli israeliani con numerose attestazioni di amicizia. Presentato come "il discorso della Regina", il suo accorato appello per la pace viene testualmente ripreso da alcuni mezzi stampa. "Ho deciso di iniziare il mio tour in Israele – ha spiegato – per una ragione particolare e speciale: per ribadire che il conflitto in Medio Oriente, che prosegue da migliaia di anni, deve cessare". Poi, echeggiando le proprie credenze cabbalistiche, la artista ha assicurato: "Se ci sarà la pace in Medio Oriente, ci sarà una pace mondiale". Fra quanti l’hanno applaudita c’erano 600 attivisti per la pace che avevano ricevuto da lei inviti personali.

In Italia, gli appuntamenti saranno tre: Milano, Firenze e Roma il 14,15 e 16 giugno.

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...