Outing postumo per la Houston

di

Un mix di critiche e stupore nei commenti ha investito l'attivista inglese Peter Tatchell che su Facebook ha tirato fuori la presunta bisessualità della cantante scomparsa. Una storia...

2193 0

L’attivista per i diritti umani inglese Peter Tatchell fa il coming out postumo di Witney Houston ricordando la cantante scomparsa a 48 anni. "Whitney Houston riposi in pace. Era più felice negli anni ’80, all’apice del suo successo, e quando stava con la sua compagna", scrive Tatchell su Facebook aggiungendo che "Erano così innamorate e felici insieme". "E’ importante dire la verità su questo aspetto della sua vita. Essere complici nell’occultamento della sua omosessualitò non è la scelta giusta."

Tatchell fa riferimento ai rumors che investirono la cantante per molti anni a causa della sua forte amicizia con Robyn Crawford, l’assistente personale che la cantante definì "la sorella che non ho mai avuto". La loro storia fu sempre smentita da entrambe le interessate ma questo non fermò i pettegolezzi pressanti che oggi, dopo la sua morte, tornano a farsi avanti. "Ho incontrato Whitney e la compagna – spiega Tatchell – al Reach Out & Touch HIV di Londra nel 1991. Whitney parlò in maniera molto sentita delle persone sieropositive in un momento in cui molte altre star non ebbero lo stesso coraggio".

“Il matrimonio con Bobby Brown era una prigione, un disastro. La sua epopea dopo le nozze iniziò a calare irrimediabilmente. Forse la sua incapacità di accettare se stessa e i suoi reali sentimenti hanno contribuito alla tossicodipendenza?". I commenti degli utenti alle rivelazioni di Tatchell sono stati un mix di critiche e stupore. C’è chi le ha definite un colpo basso. C’è chi ha chiesto: "Stai davvero facendo l’outing postumo di WH?"

Prima di Tatchell fu lo stesso Bobby Brown ad aver riferito della bisessualità della ex moglie come causa principale del suo fallimento.

Leggi   Il wrestler fa coming out: "Pensavano fosse uno scherzo, ma i gay non sono tutti come quelli in Tv..."
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...