¡TAMARA FOREVER!

di

Bella e 'baracca', la nuova diva spagnola

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Immagiamo che abbiate programmato le vostre vacanze estive in Spagna, e che una volta arrivati lì facciate come al solito per i primi tre giorni la figura degli scemi perché non siete al corrente con le ultime tendenze, i modi di dire, la musica del momento.

Stiamo parlando del "namedopping" cioè sapere fare sempre i nomi "giusti", uno degli sport preferiti tra i gay. Bene. Allora, la bomba hispano-hablante – anzi cantante – che dovete conoscere prima di andarci in vacanza quest’estate – è una: Tamara.

E’ da un anno che fa furore in Spagna, s’intende la Spagna "maricona" e "petarda" cioè cula e baraccona a oltranza. Tamara è una bella ragazza sul cui sesso, età e capacità vocali sta interrogandosi la Spagna intera.

E’ un encicopedia vivente della strega da finocchio, quelle donne che sanno trovare sempre le parole giuste per creare comicità coi gay. Indisponente e provocatoria eppure sognatrice e idealista, Tamara è la regina del momento. Con l’aiuto musicale dei compositori radical più vicini alla senbilità gay spagnola. Due fra tutti: Nacho Canut dei Fangoria e Carlos Berlanga, la voce che ti scioglie il cuore e ti apre la mente.

Olvido Gara alias Alaska alias la leader di Fangoria si dice infastidita dal fatto che definiscano Tamara "la nuova Alaska"… per il semplice motivo che Tamara è grande di suo.

Dopo le copertine su ShanGay, popolare magazine gay a distribuzione gratuita, sue canzoni sono partite dalla pista del ShanGay Tea Dance, una delle feste più popolari della capitale spagnola, e i suoi dischi sono schizzati in classifica: la casa discografica non s’aspettava minimamente un succeso del genere. ¡Que viva Tamara!

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...