Intervista esclusiva a Valerio Scanu: “È ora di finirla con i pregiudizi sul mio conto!”

di

Il nuovo singolo, la guerra con Selvaggia Lucarelli, quella contro il sistema delle radio e questa continua caccia al gay al quale Scanu dice stop!

CONDIVIDI
1.7k Condivisioni Facebook 1.7k Twitter Google WhatsApp
69005 2

Una cosa è certa: Valerio Scanu fa su sul serio. E lo si capisce ascoltando Finalmente Piove, il suo ultimo disco che, nonostante sia uscito nove mesi fa, continua a primeggiare nella classifica dei dischi più venduti sulle piattaforme digitali e non. Quando lo incontro siamo vicino alla sua boutique, alle porte di Roma. Ha l’aria di chi deve sbrigare molte cose, ma fa di tutto per essere gentile. Da qualche giorno è uscito il terzo singolo, Rinascendo, un brano del quale il cantante sardo ne va davvero fiero e non solo per aver conquistato il podio dei singoli più venduti su iTunes assieme a Tiziano Ferro, Giorgia e Marco Mengoni, ma anche per il messaggio che vuole lanciare. «E’ un brano testualmente intenso, un invito a rinnovarsi e a rinascere ogni giorno, superando gli ostacoli della vita con la consapevolezza di avere sempre qualcuno al proprio fianco» e aggiunge: «sono stanco dell’ottusità di certi critici e sono ancor più stanco di questo continuo pregiudizio nei miei confronti». Tra una domanda e l’altra, il tanto discusso Scanu parla senza paure e senza freni inibitori di musica, di progetti internazionali, di pregiudizi, di omosessualità, ma anche della sua esperienza a Pechino Express, del suo rapporto d’amore e odio con Selvaggia Lucarelli e fa un invito “speciale” a Michele Monina.

Rinascendo, il tuo nuovo singolo, parla di un amore finito. Ci siamo persi qualcosa?

Tutto l’album parla d’amore. Rinascendo è un brano testualmente intenso, un invito a rinnovarsi e a rinascere ogni giorno, superando gli ostacoli della vita con la consapevolezza di avere sempre qualcuno al proprio fianco. 

E tu hai qualcuno vicino?

(Sorride, arrosisce, ndr) sì. Parlo di Miranda, Bisonte, Cassandra e Patty. I miei amori a quattro zampe.

Piuttosto, Finalmente Piove, il disco uscito nove mesi fa, continua a primeggiare nella classifica dei dischi più venduti, nonostante l’auto produzione e il poco supporto radiofonico. Di chi è il merito?

È un album che a me, e a tutto il mio staff, sta dando grosse soddisfazioni. Il singolo Finalmente Piove è stato certificato platino con oltre cinquantamila copie vendute e la cover presentata a Sanremo, Io Vivró, è disco d’oro, con tanto di complimenti di Mogol. Sono sicuro che questo album durerà nel tempo; la canzone scritta da Fabrizio Moro è una perla rara che anche fra trent’anni la gente canterà. Sono orgoglioso di tutto quello che faccio da solo. E’ davvero dura, ma ne vale la pena e devo solo dire grazie al mio pubblico. Per quanto riguarda le radio mi sono ormai rassegnato.

Rassegnato?

Ho capito cosa c’è dietro ai passaggi radiofonici e quindi agli artisti che ascoltiamo 24 ore su 24. Ringrazio, invece, tutte le medie e piccole emittenti regionali che trasmettono la mia musica e posso garantirti che aspetterò, sulla riva del fiume, il cadavere del mio nemico e ti assicuro che ne passeranno davvero tanti. Questo sistema corrotto imploderà e finalmente la musica sarà libera.

E cosa c’è dietro ai passaggi radiofonici di cui parli?

Accordi commerciali, compromessi, favori e scambi. Ti pare poco? Io ho scelto di fare musica libera e quindi sono fuori da certi meccanismi che in tanti fan finta di non vedere, ma ci sono. Eccome se ci sono. 

E, a breve, per non farti mancare nulla, il concerto di Natale all’Auditorium di Roma il 17 dicembre..

Leggi   Selvaggia Lucarelli: "E se un domani scendessi in politica?"

Ho promesso ai miei fan un 2016 pieno di musica e non potevo non regalar loro il consueto concerto di Natale per vivere insieme la magia di una festa che da sempre riesce a farci sognare. Sarà un grande spettacolo, tante sorprese, tanti ospiti, insomma: non sarà uno spettacolo qualunque.

img_2607

Stai già pensando a qualcosa di nuovo?

Ci sono tanti progetti per il 2017, ma non posso anticipare molto. Posso solo dirti che sto lavorando ad un progetto internazionale.

Sanremo sì o Sanremo no?

Ho già dato! Sanremo è una vetrina importante e ci sono tornato dopo sei anni perché avevo un brano che rappresenta, appieno, quello che sono oggi. L’album sta andando bene e ritornarci non servirebbe perché, per ora, non ho nulla di nuovo da raccontare. 

Ho appreso, dai social, di un nuovo battibecco con Selvaggia Lucarelli. Cos’è che vi divide così tanto?

L’educazione ed il rispetto per il prossimo. Capisco che il suo lavoro è attirare l’attenzione, farsi ri-twittare, condividere ed accumulare mi piace, ma a tutto c’è un limite. Non ha nemmeno il coraggio di guardarti in faccia se la incontri nei corridoi. Facile fare i leoni dietro una tastiera, ma le palle o ce l’hai o non ce l’hai.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...