Alessandro Matri, il ritorno al goal del calciatore ‘modello’

di

Seconda rete in campionato per Alessandro Matri, inaffondabile 'bello' del calcio tricolore.

Alessandro MatriAlessandro Matri in costume
Alessandro Matri
Alessandro MatriAlessandro Matri al mare.
Alessandro Matri
Alessandro Matri
Alessandro Matri
Alessandro MatriAlessandro Matri bacia Federica Nargi.
Alessandro Matri
Alessandro MatriAlessandro Matri e Federica Nargi
Alessandro Matri
Alessandro Matri
Alessandro Matri
Alessandro Matri
Alessandro Matri
    5224 0

    Girovavo del calcio italiano, con 12 trasferimenti negli ultimi 16 anni, Alessandro Matri, 33 anni e un volto da passerelle, è tornato a segnare nel fine settimana, contribuendo alla vittoria per 2-1 del suo Sassuolo sul campo del fanalino di coda Benevento.

    Il secondo goal in questo campionato per l’ex attaccante di Milan, Cagliari, Juventus, Genoa Lazio e Fiorentina, da due anni in Emilia dopo l’infelice parentesi capitolina. Mitra Matri, questo il suo soprannome, è da sempre considerato uno dei calciatori esteticamente più belli del calcio internazionale. Fisico atletico, lineamenti da modello, sorriso smagliante da spot del dentifricio, capello impomatato e nessun tatuaggio visibile per Alessandro, star dei social con quasi 700.000 follower Instagram e divo del gossip nazionale grazie alla storia d’amore con Federica Nargi. Matri e l’ex velina di Striscia la notizia fanno coppia da 8 lunghi anni, con la figlia Sofia nata il 26 settembre del 2016 e un matrimonio ormai alle porte.

    Esploso 10 anni fa a Cagliari, Alessandro ha fallito la successiva occasione chiamata Juventus, per poi iniziare a girare per la Serie A con la valigia sempre in mano. Centravanti classico, forte di testa e abile nel pressing a tutto campo, Matri non ha mai sfondato con maglia della Nazionale, giocando sette partite e segnando un’unica rete, all’esordio nel lontano 2011.

    Prestato in lungo e in largo e con contratti spesso milionari, l’attaccante è approdato in via definitiva al Sassuolo nel 2016, mettendo a segno 8 goal in 31 partite al debutto con la maglia neroverde. Perso Eusebio Di Francesco, tecnico andato ad allenare la Roma, la squadra del patron Giorgio Squinzi si è inaspettatamente ritrovata invischiata nella lotta salvezza, con Alessandro fino ad oggi il più delle volte assente dal tabellino marcatori. Il tap-in a porta vuota messo a segno a Benevento potrebbe averlo finalmente sbloccato, nell’attesa che il diretto interessato si ritiri per cedere a lusinghe televisive che quasi certamente, tra proposte da reality e contratti da opinionista sportivo, saranno più volte arrivate a destinazione. D’altronde con un fisico e un volto così, oggettivamente parlando, sarebbe uno spreco non provare a fare altro dopo aver dato per 20 anni calci ad un pallone.

    Tutti gli articoli su:

    Commenta l'articolo...