Adolescente gay si suicida dopo il coming out in famiglia

di

Minacciato di morte dal padre, 15enne saudita si toglie la vita dopo aver fatto coming out in famiglia.

CONDIVIDI
1k Condivisioni Facebook 1k Twitter Google WhatsApp
10027 0

Un adolescente saudita si è suicidato dopo aver fatto coming out in famiglia. Il padre aveva infatti minacciato di ucciderlo.

Roshan, che viveva a Riyadh, aveva provato a lasciare il paese per Dubai, ma il padre gli aveva rubato il passaporto. Sentendosi oppresso, senza più opzioni, ha deciso di togliersi la vita. Nel gennaio scorso il 15enne aveva chiesto pubblicamente aiuto su Reddit.

Onestamente non so perché ho detto ai miei genitori che sono gay, anche se vivo in uno dei paesi più omofobi del mondo. Sono stato letteralmente cacciato di casa e la mia famiglia ha minacciato di uccidermi, nel caso in cui fossi tornato. Ora sono a casa di un amico. Ho detto a lui e alla sua famiglia che i miei genitori sono in vacanza. Non posso restare dai miei amici per sempre. E sinceramente non so cosa fare. Voglio ammazzarmi, cazzo. Il mio paese non ha risorse per le persone LGBTQ +. Vado ancora al liceo, sono minorenne, quindi non mi è permesso lavorare ovunque. Onestamente non ho idea di cosa fare. Non ho amici con cui parlare di questo. Non posso andare dai miei parenti perché i miei genitori avranno detto loro che sono gay. Non posso credere che sia stato io a dirglielo‘.

Un appello a cui replicò un ragazzo americano, che viveva in Arabia Saudita, promettendogli aiuto.

So che sei ferito, turbato e scioccato, sei stato tradito dalle persone che dovrebbero amarti e accettarti. So che vorresti ucciderti, ma sono sensazioni che poi spariscono, sono sopravvissuto anche io a un tentativo di suicidio, proprio a causa di un tradimento per mano della mia famiglia. Per favore non arrenderti !! Vai a scuola con il tuo amico, cerca di continuare il più possibile la tua vita normale e aiuta la famiglia del tuo amico con le faccende domestiche, renditi utile. Mostra loro la tua gratitudine. Se decidi di essere pronto a lasciare KSA, sarei lieto di aiutarti e potresti vivere con me, qui negli Stati Uniti. Mi aspetto che tu finisca la scuola e sarei felice di farti da mentore per il college, o qualsiasi altra cosa tu voglia fare. Sentiti libero di rispondermi. Hai delle opzioni. Ci sono molti qui dentro che ti supporteranno con pochi dollari, amicizia e buoni consigli. Tieni duro!!“.

I due si sono scritti diversi mail, Roshan è dovuto scappare dalla casa dell’amico perché i genitori cominciavano ad essere sospettosi. Ha provato a partire per Dubai, con il padre che minacciava di ammazzarlo, e alla fine la triste scoperta, svelata dallo zio proprio all’americano che aveva provato ad aiutarlo.

È con enorme tristezza che devo informarti che Roshan ha deciso di togliersi la vita. Suo padre (il marito di mia sorella), ha minacciato di ucciderlo se mai fosse tornato a casa. Purtroppo non siamo riusciti a farlo uscire per tempo da Riyadh, è stato trovato senza vita a casa del suo amico. Sono riuscito a entrare nell’account email di Roshan tramite il suo telefono e ho trovato questa conversazione via email, ho pensato che fosse importante che tu lo sapessi. Vorrei ringraziarti per il supporto. Sei stato l’unica persona con cui Roshan si è aperto e ha parlato liberamente“.

Leggi   Insulti omofobi a un rivale: Un mese di squalifica per un rugbista
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...