Cannes, poca Euforia per il passabile dramma famigliare della Golino: fratello etero, dove sei?

di

Senza infamia e senza lode l’opera seconda da regista di Valeria Golino su due fratelli, uno etero e l’altro gay, che più diversi non si può.

CONDIVIDI
15 Condivisioni Facebook 15 Twitter Google WhatsApp
2301 0

CANNES – No, non lascia euforici da un punto di vista critico Euforia, l’opera seconda da regista di Valeria Golino, presentata nella sezione laterale Un Certain Regard. Il suo esordio Miele era più bello anche se questo Euforia, dramma famigliare su due fratelli che più diversi non si può, ha qualche motivo d’interesse e nel complesso non è recitato male da un cast piuttosto coeso.

Matteo (Riccardo Scamarcio, insistente nel rendere antipatico il suo personaggio) è un imprenditore gay dinamico, dalla forte personalità sprezzante e si occupa di progetti grafici per la Chiesa. Suo fratello Ettore (Valerio Mastandrea) è etero, reduce da una storia d’amore con strascichi importanti. È al contrario di Matteo timido e pacato, insegna alle Scuole Medie e scopre di avere una malattia cerebrale che potrebbe essere una forma di Alzheimer precoce. L’incontro-scontro tra due personalità così diverse è il cuore del film ma entrambi i personaggi non hanno un vero sviluppo drammaturgico cosicché alcune parentesi come il viaggio a Medjugorie non sembrano avere nemmeno una vera e propria esigenza narrativa.

Matteo è fidanzato con un ragazzo quieto e remissivo (il personaggio è però monodimensionale) che tradisce con chi capita, in particolare ragazzoni muscolosi e tatuati. Qui emerge il tocco dello scrittore Walter Siti che ha collaborato alla sceneggiatura: uno di questi si chiama Marcello come il suo culturista feticcio. L’ambiente in cui si muove Matteo è quello altoborghese della Roma modaiola da attico e superattico che non mette in discussione l’omosessualità ma la rinchiude nello stereotipo del gay ricco e snob, sostanzialmente superficiale. In particolare, la scena in cui Matteo si masturba compulsivamente con occhi sgranati da batrace davanti a un porno visto sull’Iphone non è proprio ciò che rientra nel comune buon gusto e reitera il luogo comune dell’omosessuale ossessionato da tutto ciò che ruota intorno al sesso.

Specularmente, il personaggio di Ettore è quasi ‘santificato’ nella sua mediocrità accettabile, nella sua ordinarietà etero, nella condizione di malato rassegnato e incapace di ribellarsi al destino. Solo nella scena del confronto diretto tra i due fratelli, in cui Ettore insulta Matteo dandogli del ‘frocio’, Euforia suona vero e vibrante. Troppo poco.

Ispirato a eventi reali di cari amici della regista, sembra non voler dare respiro ai personaggi rinchiusi in definizioni, più che in veri e propri caratteri strutturati. Valeria Golino parla di Matteo così: “Un narcisista che cerca distrazioni attraverso i soldi, le droghe, il sesso, il successo e il culto del corpo”. E Scamarcio non contribuisce a farlo andare oltre.

Peccato, perché il film è girato bene e ha un bel finale in cui ritorna la passione per storie forti e appassionanti come il precedente Miele.

Senza infamia e senza lode: altro che euforia.

Leggi   Cannes 71, ecco i quindici film che concorreranno per la Queer Palm
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...