Indonesia, nuovo raid in una sauna gay: 58 arresti

di

Secondo gli agenti che hanno condotto l'operazione la sauna in realtà era un bordello mascherato, aumentano gli episodi di vessazione verso i gay nel Paese.

Indonesia, arresti gay
6634 1

La polizia dell’Indonesia torna a colpire i gay: dopo la retata condotta lo scorso maggio, anche stavolta gli avventori di una sauna, tra cui alcuni cittadini stranieri, sono stati arrestati.

Il raid è avvenuto nella capitale dell’Indonesia, Jakarta, e ha portato all’arresto di 51 clienti, tra cui un olandese, e 7 dipendenti della struttura, che era stata denunciata quale copertura di un bordello.

Secondo il portavoce della polizia la sauna in realtà “offriva servizi di carattere pornografico” e per questo sei dei 58 fermati saranno accusati sulla base della legge “anti-pornografia” in vigore nel Paese dal 2008 e che può portare a una condanna fino a sei anni di detenzione.

L’Indonesia è il più popoloso paese islamico a regime democratico del pianeta e sebbene l’omosessualità sia tollerata dalla legge, negli ultimi mesi si è registrato un aumento degli episodi di ostilità verso la comunità LGBT nel Paese.

Nella provincia conservatrice di Aceh, unica parte dell’Indonesia dove vige la Sharia e quindi l’omosessualità è punibile con la morte, due ventenni gay sono stati condannati a 85 frustate in pubblico.

Indonesia, coppia gay
A maggio una coppia gay indonesiana è stata condannata a 85 frustate.

Sull’isola di Java la polizia ha istituito una specifica squadra anti-LGBT e dalla scorsa primavera sono già due le retate condotte nelle saune gay della capitale, gli unici luoghi di incontro della comunità omosessuale indonesiana, che non ha bar o locali gay.

Leggi   Egitto, dopo gli arresti ora si discute legge anti-gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...