Insulti omofobi sul murale australiano dedicato a George Michael

di

Imbrattato da insulti omofobi e dalle uova il murale LGBT australiano dedicato a George Michael.

4270 1

Nato a Sydney poco meno di un anno fa, subito dopo la morte del cantante, è stato vandalizzato il murale dedicato a George Michael.

Insulti omofobi hanno imbrattato il disegno, che raffigura la popstar come un santo, con tanto di aureola, canna in una mano e boccetta di popper nell’altra.

A denunciare l’episodio Jonny Seymour, proprietario della casa su cui è stato disegnato l’omaggio. Intercettato da Gay Star News, l’uomo ha confessato di non aver volutamente scattato una foto del murale vandalizzato dalle uova e da volgarità varie, perché a suo dire avrebbe indirettamente convalidato  i gratuiti insulti omofobi rivolti alla memoria di Michael. Anche Scott Marsh, autore del murale, ha preferito non commentare quanto avvenuto.

Quattro ragazzi hanno aiutato Seymour a ripulire il disegno, pensato per celebrare un uomo che ha dato tanto alla comunità LGBT. Australia, non va dimenticato, che in queste settimane è chiamata al voto nei confronti del matrimonio egualitario. Un referendum per corrispondenza che terminerà a fine ottobre, con il ‘sì’ alle nozze same-sex nettamente in vantaggio sui contrari, sondaggi alla mano. Per l’occasione l’artista Marsh ha dipinto un altro murale con protagonista l’ex-Primo Ministro Tony Abbott, da sempre contrario ai matrimoni omosessuali e in prima linea nella campagna del ‘vote no’, che sposa se’ stesso. Con uno dei due Tony in abito da sposa.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...