Pride Month: le lettere d’amore delle popstar ai fan LGBT

di

La rivista americana Billboard ha chiesto alle più grandi icone gay della musica di celebrare il Pride Month.

3018 0

Britney, Sia, Christina Aguilera, Elton John, quanto è stato importante l’amore dei fan LGBT nella loro carriera? Per la storica rivista Usa Billboard è arrivato il momento per queste star di ringraziare.

Con l’arrivo di Giugno si celebra il Pride Month ovvero il mese in cui il mondo è attraversato dall’orgoglio arcobaleno. Billboard, celebre bibbia musicale americana, ha chiesto a tante star della musica dalla spiccata fanbase LGBT, di scrivere delle “love letters” alla comunità gay che le aiutate a realizzare la propria carriera o che le ha sostenute nei momenti difficili, sì Britney stiamo parlando di te. Questi sono alcuni dei passaggi più belli di quelle lettere:

“Mi ricordo di aver incontrato un fan che aveva appena fatto un tattoo della mia faccia vicino a una cicatrice. Quando gli chiesi perché si fosse fatto il tatuaggio mi raccontò la storia di quando venne accoltellato per aver reagito a dei bulli omofobi: mi disse che grazie alla mia musica fu in grado di alzarsi e lottare”. Christina Aguilera

“La prima volta che cantai davanti a un pubblico pagante fu in club gay, The Lion, al Greenwich Village. Avevo 18 anni e non ero mai stata in un night prima. La comunità gay mi ha sostenuto fin dall’inizio e sarò sempre grata per questo”. Barbra Streisand

“Ho un segreto da raccontarvi: siete voi che sostenete me, non il contrario. La fedeltà incrollabile, l’assenza di pregiudizi, la verità senza pretese. Questo vuol dire accettarsi! Le vostre storie mi ispirano, mi portano gioia e spingono me e i miei figli ad essere persone migliori”. Britney Spears

“Un giorno mi mandarono un video sulle note della mia canzone “Breathe me”. Era di un ragazzino tredicenne, Jonah Mowry, che stava scoprendo di essere un giovane ragazzo gay ed era depresso per questo. Io ho avuto la fortuna di vivere fianco a fianco alla comunità gay a New York e Los Angeles, dove c’è molta più accettazione. Vedere la sofferenza di quel ragazzo è stato toccante per me. In quel momento ho deciso che mi sarei impegnata in modo ancora più profondo per la comunità LGBT”. Sia

“Grazie. Grazie per avermi accettato, anche quando molti altri non lo facevano. Grazie per non avermi mai giudicato, anche nei momenti difficili. Grazie per aver sempre sostenuto la mia musica, anche dopo tutti questi anni”. Elton John

Leggi   Vigile del Fuoco al Roma Pride, una petizione per salvarlo dal licenziamento
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...