Leo Varadkar, il primo ministro irlandese vuole che il Papa celebri anche le famiglie LGBT

di

Il pontefice sarà in Irlanda nel mese di agosto per partecipare all'evento World Meeting of Families, incontro di attivisti e predicatori cattolici al momento 'vietato' alle famiglie LGBT.

CONDIVIDI
11 Condivisioni Facebook 11 Twitter Google WhatsApp
1756 0

Leo Varadkar, Primo ministro della Repubblica d’Irlanda dichiaratamente omosessuale nonché sposo di Matthew Barrett, ha annunciato che chiederà la celebrazione delle famiglie LGBT nel corso dell’imminente visita di Papa Francesco.

Il pontefice sarà in Irlanda nel mese di agosto, per partecipare all’evento World Meeting of Families, incontro di attivisti e predicatori cattolici. Il vertice è stato segnato da dispute sui diritti LGBT, con gli estremisti cattolici che hanno costretto gli organizzatori a rimuovere tutti i riferimenti all’omosessualità dagli opuscoli prodotti prima dell’evento. Una polemica che è presto esplosa anche in ambito politico, tanto da far sbilanciare il premier Varadkar, che direttamente dal Parlamento ha così espresso la speranza che le famiglie LGBT possano partecipare all’evento.

“Il governo è convinto che ci siano molti tipi diversi di famiglie e che tutte queste famiglie dovrebbero essere celebrate; la famiglia tradizionale con un uomo e una donna sposati e con figli, ma anche le famiglie monoparentali, le famiglie guidate dai nonni e le famiglie composte da coppie dello stesso sesso. Lo renderemo pubblico nei prossimi incontri che avremo con gli organizzatori, in linea con il nostro impegno per la libertà personale e l’uguaglianza davanti alla legge. Il punto di vista del governo è che le famiglie dovrebbero essere celebrate in tutte le loro forme“. “Siamo impegnati nella libertà di religione e nella separazione tra chiesa e Stato. Mentre esprimeremo il nostro punto di vista, quindi, non tenteremo di imporlo a un corpo religioso“.

Varadkar ha inoltre chiarito che “questa non è una visita ufficiale di Stato ma sarà un evento importante per l’Irlanda, con un alto grado di partecipazione pubblica e un alto profilo internazionale, non vedo l’ora di accogliere papa Francesco in agosto“. Chissà se il Papa la penserà allo stesso modo.

Leggi   Time 100, Adam Rippon e tante altre personalità LGBT tra le persone più influenti dell'anno
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...