Assetati di sesso? Tutta colpa del gene DRD4

di

Inguaribili infedeli, ma follemente innamorati del proprio compagno? Secondo uno studio la responsabilità sarebbe della variazione del gene recettore della dopamina. Ecco cosa dicono gli scienziati.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1662 0

E’ inutile girarci intorno: ci sono persone assolutamente incapaci di mantenere una relazione monogama. E secondo un recente studio, non sarebbe una scelta, né un’atavica forma della sindrome di Peter Pan.

Descritta come la prima ricerca di questo genere e condotta da alcuni ricercatori guidati dall’antropologo Justin Garcia, l’indagine ha rivelato che il recettore D4 della dopamina, già considerato responsabile della dipendenza dall’alcol e dal gioco d’azzardo, è responsabile anche dell’insaziabile desiderio sessuale di alcune persone.

"Abbiamo scoperto che le persone con una certa variante del gene DRD4 sono più inclini ad avere storie di sesso non vincolato a relazioni sentimentali, comprese le avventure da una notte e i tradimenti – ha dichiarato Garcia -. La motivazione sembra derivare da un sistema di piacere e ricompensa nel quale scatta il rilascio di dopamina. Nel caso di sesso non legato a relazioni sentimentali, i rischi sono alti, le ricompense sostanziali e la motivazione variabile: tutti elementi che assicurano un’esplosione di dopamina".

Secondo i ricercatori, questi risultati forniscono prove biologiche che a prima vista sembrerebbero essere una contraddizione: gli individui  cercano storie serie e a lungo termine ma hanno solo storie di una notte. Allo stesso tempo, i dati suggeriscono che sia ragionevole pensare che ci sono persone profondamente e sinceramente coinvolte dal proprio partner, ma che lo tradiscono pur sentendosi estremamente legati e affezionati al compagno. Il tutto sarebbe riconducibile alla variazione del gene DRD4.

Insomma, la prossima volta che vi danno dell’inaffidabile, dell’infedele, del sessuomane, sapete su chi scaricare la responsabilità.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...