I LUOGHI DEL SESSO: LA DOCCIA

di

Per molti gay, un uomo nudo sotto l'acqua è una delle immagini più eccitanti che esistano. D'altra parte gli spogliatoi sono il primo luogo dove sbirciamo qualche maschio...

19297 0

«Hai mai notato – mi chiede un amico – quanto porno gay sia ambientato nelle docce?». Beh, no, non l’ho notato, ma un attento esame dei siti porno sembra confermare la sua osservazione. La pulizia non è solo vicina alla divinità; è anche, a quanto sembra, vicina alla eccitazione. Perché? Cosa rende il box doccia così sexy?

Una delle ragioni, senza dubbio, risale alla nostra storia personale: per molti di noi, gli spogliatoi erano il primo posto dove poter lanciare sguardi furtivi verso ragazzi nudi. Togliersi o mettersi la tenuta sportiva è di solito un processo rapido, compiuto in fretta, buono giusto per un’occhiata, ma il ritmo placido della doccia, con le sue enormi quantità di carne umida in bella vista, è come l’inizio di una scena porno nella stanza dalle piastrelle bianche. E non c’è da sorprendersi se il pensiero dell’acqua che scorre rende molti uomini gay eccitatissimi.

Oltre a ciò, poi, ci sono gli specifici sessuali dell’archetipo Uomo Che Fa La Doccia. Il porno etero raffigura le donne che fanno il bagno, con i corpi seminudi passivamente orizzontali. Ma la vulnerabilità di un ragazzo nudo che fa la doccia è contrastata dalla sua postura eretta, con l’acqua che gli scivola addosso come schizzi di sperma che scorrano già da un pene in erezione. E, come ha giustamente notato il mio amico amante del porno, «tutta quell’acqua rende la pelle di un uomo luccicante, e mette in evidenza tutti i muscoli. Una meraviglia!»

L’esibizionismo scintillante del porno nella stanza delle docce è reso ancora più forte dall’atteggiamento casualmente quotidiano. Dopo tutto, tutti noi facciamo la doccia. Il ragazzo bagnato nella foto non sta “davvero” posando per del porno, sta solo innocentemente facendo una doccia mentre noi, onanisti e voyeuristi, ci intrufoliamo nel suo rituale privato. E’ una fantasia tanto eccitante e bagnata come l’acqua che spruzza dal sifone.

Allo stesso tempo, per tornare nella vita reale, fare una doccia può essere uno splendido, umido preludio per una scena intrisa di lussuria. «Mi ricordo – dice un uomo – quando il tipo con cui mi dovevo vedere venne all’appuntamento direttamente dal lavoro. Era un manovale, è arrivò sporco e puzzolente. Mi piaceva stare seduto in bagno mentre si toglieva i vestiti, e guardarlo attraverso la tenda semitrasparente della doccia mentre si puliva per fare sesso con me».

E dopo il sesso? C’è il sempre apprezzato mutuo lavaggio della schiena dopo l’amore: due uomini nella vasca che si stendono schiuma saponata sulla pelle liscia, lungo il corpo e in ogni cantuccio o fessura. Un buon lavaggio a due può diventare così incandescente da trasformarsi direttamente in un Secondo Round nel giro di pochi secondi. E penetrarsi sotto un potente getto di acqua calda ha un certo fascino tropicale che non è facile riprodurre sotto le lenzuola; è il genere di ambientazione che può rendere un ragazzo grato che il sapone sia stato inventato. E se, in mezzo a tutti questi giochi d’acqua, un altro fluido comincia a scorrere, beh, almeno va a finire direttamente nello scarico.

A volte le fantasie porno e la vecchia monotona realtà possono convergere felicemente. «Ero in palestra – ricorda uno sportivo porcellone – quando adocchiai il compagno più bono che faceva la doccia un paio di posti più in là. Mi stava guardando, insaponandosi l’uccello che diventava duro. Era tardi e non c’era nessun altro in giro, così, sono venuto via dalla mia doccia, e mi sono spostato vicino a lui, e ho finito per infilare un paio di dita insaponate nel suo culo, mentre entrambi schizzavamo nell’acqua corrente». Suona romantico, ma i compagni di palestra stiano attenti: un membro stuzzicato può trasformarsi in una tessera strappata.

Leggi   "Il chemsex fa parte della cultura gay": è polemica

Vi sentite sporchi? Che sia sotto una cascata o sotto il massaggio della doccia, in un film porno o nello spogliatoio, l’acqua che scorre ha una sessualità liquida. Ti rende duro mentre ti rende pulito. Ed è sesso sicuro: la cosa peggiore che può succedere è che la pelle si raggrinzi per essere stati troppo tempo all’umido. Perciò, bagnamoci!

di Simon Shephard – Gay.com UK

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...