PIÙ CENTIMETRI MENO CERVELLO

di

Siamo sommersi da pubblicità di prodotti "tutti naturali" che promettono "un pene più grosso, senza effetti collaterali". Ma la cosa riserva sorprese. A partire dal fatto che non...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1352 0

Il mondo è bello perché è vario! Per fortuna, o per sfortuna, non siamo tutti uguali, c’è chi nasce bello, chi un po’ meno, chi con gli occhi azzurri, chi con dei comuni occhi castani, qualcuno è naturalmente dotato… di intelligenza – non fraintendete – altri purtroppo hanno un quoziente che sfiora, se si misurasse in specie animali, il livello gallina!

A qualcuno la natura ha regalato centimetri in abbondanza, con qualcun altro invece è stata un po’ più avara, e questo se ci riferiamo unicamente ai maschietti può, talvolta, non essere solo un fatto di statura.
In una società dove l’immagine è tutto questo può essere un problema, è vero. Ma la nostra società pensa a tutto, ci crea i problemi ed in eguale misura ci offre un rimedio – di solito quasi mai a buon mercato – per poterli risolvere! Ed ecco che tra le pagine di numerose riviste straniere maschili, gay e non, sono apparsi recentemente inserti pubblicitari, spesso corredati di buono d’ordine, di numero di telefono con tanto di chiama subito e di testimonianze scritte sulla reale efficacia.

Il nome del miracoloso preparato varia a seconda del marchio o della ditta produttrice, più o meno uguale per tutti lo slogan che invita alla prova: “Finalmente un prodotto, tutto naturale e garantito per darti un pene più grande – fino a 5 pollici di mascolinità! – più duro, senza effetti collaterali“. Sarà vero?
Cominciamo con il documentarci sui componenti del prodotto che generalmente sono un cocktail di erbe o estratti naturali ritenuti afrodisiaci, come il ginkgo, il ginseng e lo yohimbe. Quest’ultimo, in particolare, è estratto da un albero che cresce nelle zone tropicali dell’Africa Occidentale ed è da secoli considerato un potente afrodisiaco. Si impiegava nelle celebrazioni delle nozze e nei rituali orgiastici ed era il più potente strumento magico di sacerdoti e stregoni africani.

Gli europei lo conobbero nel diciannovesimo secolo, ai tempi della colonizzazione e, nel 1896, tramite analisi, fu fatta la scoperta dell’alcaloide yohimbina che stimola il desiderio sessuale e l’eccitazione. La yohimbina è un vaso dilatatore, abbassa la pressione, è antidepressivo e leggermente psichedelico, può innalzare l’umore, la vitalità e il desiderio, può aumentare la libido, dare un’erezione più forte agli uomini e una maggiore stimolazione del clitoride delle donne. Aumentando il flusso sanguigno può, come abbiamo visto, favorire l’erezione, magari dare una mano a chi soffre di disfunzione erettile, ma non c’è alcuna prova che possa rendere il pene permanentemente più grande, non può assolutamente, come hanno attestato molte riviste specializzate, aggiungere centimetri di nuovo tessuto, il pene non è un muscolo che si può costruire come un bicipite o un deltoide.

In più, non è completamente innocuo: combinato con alcuni cibi ed alcolici può innescare una reazione tossica. Il sovradosaggio può provocare tremori, crampi, disturbi circolatori e nausea. Un’autorevole rivista americana ironizza: «Se veramente ci fosse una pasticca che rende il vostro pene più grosso, ve lo avremmo detto… dopo chiaramente aver comprato gran parte delle azioni della compagnia produttrice! Ebbene, non ve lo abbiamo detto ed abbiamo investito nei titoli di stato!».
Un ultimo consiglio: sebbene lo yohimbe sia un potente afrodisiaco, non usatelo come strumento di seduzione, magari somministrandolo di nascosto a qualcuno che vi piace particolarmente. Chissà, potrebbe sì scatenare la sua libido… ma non con voi! Sarebbe veramente una doppia delusione.

di Francesco Belais

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...