PORNOATTORI IN CARRIERA

di

Una carriera già avviata nel mondo dell'hard gay non ha impedito a molti attori porno di intraprendere anche altre stradi: avvocati, cantanti, stilisti, e anche escort, sono tanti...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
8055 0
8055 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


È possibile  essere un performer gay e intanto coltivare anche altre aspirazioni professionali? È facile pensare che lavorare nel mondo dell’hard sia una sorta di ultima spiaggia per chi ha bisogno di soldi facili (e magari in privato è etero) o per chi non sa fare altro, uno sfogo per chi vuole legittimare le proprie fregole oppure una sorta di vetrina per chi fa l’escort di professione, ma forse non è proprio così.

Qualche dubbio è legittimo spulciando nel mondo del porno gay americano, dove tanti performers coltivano carriere altrettanto gratificanti in ambiti diversissimi. Molti hanno una passione per la musica e diventano DJ: Dominic Pacifico e il nostrano Filippo Romano, ad esempio. Altri scrivono su riviste musicali (come Johnny Hazzard che è anche un vocalist) e alcuni stanno diventando cantanti a tutti gli effetti, come Colton Ford e Fredrick Ford (nessuna parentela).

Anche la carriera di agente immobiliare sembra essere molto praticata da chi si dedica al porno gay: Tag Eriksson e Eric Hanson, ad esempio, hanno un buon successo in questo settore. Marcus Iron, dal canto suo, è un apprezzato architetto paesaggista che è stato anche intervistato dal prestigioso canale satellitare statunitense HGTV (specializzato in giardinaggio professionale e architettura). Più o meno sulla stessa lunghezza d’onda è anche Pete Kuzak (vero nome Scott Peters), che oltre a progettare giardini e anche un rinomato decoratore d’interni (anche lui molto quotato nel settore).

Altri performers sono praticanti avvocati (Brad Benton), e altri ancora tentano di lanciare linee di moda (come Francois Sagat). Ovviamente sarebbe sbagliato generalizzare e dire che tutti i performers sono anche professionisti di successo riuscendo a conciliare le due cose (ne sa qualcosa Roman Ragazzi, che ha perso il posto una volta "scoperto"). D’altra parte sarebbe anche ipocrita omettere che effettivamente buona parte dei performers gay, a prescindere dalle loro carriere (porno e non), si offrono anche come escorts.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...