PROTUBERANZE INDECENTI

di

Siete in pubblico, e si avvicina quel tipo che vi eccita da morire… Nascondere la vostra "reazione" risulta impossibile. Come fare? Tra serio e faceto, le considerazioni di...

3404 0

Un ragazzo di 21 anni racconta di un “problema” che ha con il suo nuovo ragazzo: «Quando sono a meno di tre metri da lui, mi eccito – si lamenta il giovane – Non ho nessun controllo sul pene quando lui è nei paraggi. Al nostro primo appuntamento, mi ha messo la mano sulla spalla e io ho avuto un’erezione istantanea. Lui cercava di essere carino, ma io ero troppo occupato a preoccuparmi della mia erezione per ricambiare. Ci piacerebbe andare a ballare insieme, ma sono terrorizzato da ciò che potrebbe trasparire…»

Cosa può fare un ragazzo per contenere un rigonfiamento troppo pronunciato? Innanzitutto, premettiamo che alcune strategie anti-erezione, come bere molto, prendere anfetamine, o farmaci che producono impotenza, sono davvero troppo radicali per essere prese in considerazione. Ma questo ci lascia ancora parecchie possibilità.

Innanzitutto, ci sarebbe l’eliminazione degli stimoli. Il ragazzo che ha scritto, potrebbe chiudere la sua relazione con il tipo che gli procura erezioni, ma sembra davvero poco ragionevole. Ma chi scrive “Ogni volta che guardo il pacco di un uomo, ho un’erezione” potrebbe smettere di guardarli… Ma quante probabilità ha di riuscirci?

C’è anche la possibilità di ricorrere a una masturbazione preventiva, e in questo modo indebolire le reazioni successive (anche se temporaneamente), quando vi trovate con il vostro stimolatore di indurimenti. E poi, una sveltina solitaria è sempre divertente, no? Fate solo attenzione a evitare incidenti tipo “Tutti pazzi per Mary”, se potete…

Poi c’è l’occultamento. Al giorno d’oggi, nascondere una verga dura e ciondolante con dei pantaloni da skater un po’ “oversize”, è più facile di quanto fosse quando si usavano jeans aderenti. Anche le camicie grandi e portate fuori dai pantaloni possono funzionare, se si adattano al vostro gusto in fatto di moda. Ma è ciò che portate sotto i pantaloni che può davvero fare la differenza. Anche se una mutanda stretta o un robusto sospensorio non eviteranno a un pene l’erezione, riescono però a ridirigerla verso l’alto, contro il ventre, dove può essere riposta in maniera meno visibile.

Particolarmente adatti a questo scopo, sono i pantaloncini da ciclisti aderenti, così come i boxer di gomma fetish, che in più possono colpire gli amanti del genere kinky. Naturalmente, occorre che siate comodi: la biancheria esageratamente stretta potrebbe produrre un dolore superiore a quello che avrebbero i vostri testicoli dopo un’intera serata passata con il membro in erezione convulsiva. Inoltre è bene ricordare che la gomma non fa traspirare, e potrebbe farvi sudare procurandovi un prurito ulteriore.

C’è anche un’altra possibile soluzione: l'”opzione sfacciataggine”. Anche se solo gli esibizionisti sconci desiderano andare in giro preceduti da un’erezione importuna, lasciar intravedere un indurimento appena percettibile non è un crimine.

Se l’occultamento non è perfettamente riuscito, vi potete permettere di andare oltre l’imbarazzo. Dopotutto, metà del genere umano ha erezioni, e la maggior parte dell’altra metà è almeno tollerante nei confronti della libidine maschile. Ciò che il ragazzo che ha scritto la lettera forse era riluttante a dire al suo compagno, è: “Sei troppo bono, mi ecciti da morire!”. Cioè qualcosa che, diciamocelo, la maggior parte di noi amerebbe molto sentirsi dire. E se un uomo con un paccone nelle mutande sembra ossessionato dal sesso, molti di noi SONO ossessionati dal sesso e potrebbero semplicemente confessarlo.

Leggi   "Il chemsex fa parte della cultura gay": è polemica

Col tempo, la macchina da sesso che mediamente tutti noi siamo a 21 anni, potrebbe diventare un maschio di mezza età che chiede al dottore di prescrivergli il Viagra. Perciò, anche se è comprensibile non desiderare di sfoggiare un bastone nei calzoni mentre siete in fila per la comunione, c’è un tempo e un luogo per tutto. I ragazzi col coso in forza indossino biancheria contenitiva, e non si strofinino sugli sconosciuti sugli autobus, ma altrove si rilassino e si godano l’esperienza. E poi, chi noterebbe il rigonfiamento, se non quei pervertiti che sono alla caccia di verghe?

di Simon Shephard – Gay.com UK

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...