Quando pubblico diventa privato: il porno scoppia le coppie

di

Chris Crocker e il suo fidanzato si sono lasciati poco dopo aver girato il loro primo porno con in Mavericks: troppo coinvolgimento. Il nuovo porno gay va oltre...

7861 0

Il porno gay del 2012 è molto diverso da quello di una volta, e non solo per una questione tecnologica. Certo molte cose sono rimaste uguali, tuttavia è innegabile che altre stiano lentamente cambiando. Le dinamiche dei dietro le quinte, in particolare, sembrano prendere direzioni decisamente inedite rispetto al passato. E’ vero che i gay porn performers continuano ad essere pagati per fare sesso, e anche oggi capita che il loro affiatamento sia solo simulato e funzionale alla buona resa dei video, però è anche vero che, oggi, chi vuole provare a cimentarsi in questo settore ha a disposizione un infinito ventaglio di possibilità e può permettersi di scegliere in base ai propri gusti e alla propria indole. Questo fattore non è da sottovalutere, visto che sta portando molti ragazzi a sperimentare la carriera di porn performers senza doversi ritrovare con partners e situazioni che non gradiscono, come  accadeva quando gli studios erano pochi e bisognava accettare vari tipi di compromesso.

Questo, forse, spiega perchè il numero di gay porn peformers, o aspiranti tali, sta raggiungendo livelli impensabili fino a qualche anno fa, arrivando a  includere persino porn performer etero di indubbia fama come Rocco Reed, che evidentemente ha avuto modo di trovare la situazione più congeniale per sperimentare il suo lato gay. Il rovescio della medaglia, però, è che  il confine fra vita privata e pubbliche performances diventa sempre più sottile, e non tutti sono in grado di gestire situazioni di questo tipo, soprattutto quando si parla di gay porn perfomers giovani e inesperti che hanno anche una vita di coppia. Così, se da una parte abbiamo porno coppie di lungo corso, che magari si sono conosciute sul set o che sono addirittura arrivate a sposarsi senza problemi, dall’altra abbiamo un crescente numero di debuttanti che hanno difficoltà a rapportarsi con un mondo in cui, ormai,  è molto difficile capire la differenza fra pubblico e privato. Prendiamo ad esempio il recentissimo caso di Chris Crocker, la giovane web celebrity che con i suoi video su YouTube è diventato un personaggio cult.

Da qualche anno meditava di sperimentare anche il mondo del porno gay, ma alla fine ha rifiutato la generosissima proposta del regista Chi Chi LaRue – ben 100.000 dollari – anche perchè nel frattempo si era fidanzato con il bel Justin Goble. Tutti i suoi fans avevano ormai rinunciato a vederlo in azione, se non che – a sorpresa – lui e il suo ragazzo hanno deciso di debuttare assieme sul sito porno gestito da un’altra coppia che è diventata famosa grazie a internet, anche se nel loro caso sono stati proprio i video hard amatoriali a renderli celebri: stiamo parlando dei simpatici Mavericks. Perchè rinunciare a Chi Chi LaRue per un sito amatoriale, che sicuramente offriva un compenso inferiore? Molto candidamente Chris Crocker  ha risposto che voleva farsi riprendere a patto di mostrare del vero sesso, fatto con sentimento e partecipazione. Guarda caso, però, lui e Jacob hanno rotto poco dopo questa esperienza, che evidentemente li ha coinvolti in maniera inaspettata e ad un livello più intimo di quanto pensassero.

Sarebbe stato lo stesso se si fosse trattato di scene hard girate senza partecipazione? Probabilmente no. E questo potrebbe spiegare anche perchè Zane, che assieme al suo amico Austin aveva fondato il sito Austinzane.com, ha ammesso di avere avuto una reazione emotiva inaspettata ora che ha deciso di proseguire la carriera nel porno gay per proprio conto. Perchè ha lasciato il suo amico? Austin e Zane non si erano mai definiti una coppia, ma a lungo andare il livello di complicità e affiatamento che avevano raggiunto era evidente, e travalicava i confini del semplice divertimento finalizzato al mantenimento del loro sito. E forse l’origine della loro separazione sta proprio nel fatto che le cose stavano prendendo una piega inaspettata e, forse, troppo complicata da gestire. Sembrano davvero lontani i tempi in cui i gay porn performers erano solamente delle belle macchine da sesso: ora – grazie soprattutto ad internet – la situazione sta diventando molto più variegata, e in futuro offrirà sempre nuovi spunti di discussione.

Leggi   Milano, incontri sessuali e poi il ricatto: arrestato senegalese

di Valeriano Elfodiluce

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...