UNIVERSO PORNOGAY

di

Su Internet o in edicola. Pornografia cartacea o telematica. Chi vince? Che prezzi si pagano?

7915 0

L’universo pornogay su internet è una miniera inesauribile, piena di sorprese. Si trova di tutto, cose stuzzicanti, fregature, possibili contatti, basta partire da un qualsiasi motore di ricerca. O conoscere un percorso.

Se navigate a caso le truffe sono in agguato. Siti con immagini e filmini a pagamento (fate attenzione, a volte sono una vera fregatura, voi cliccate, fate un download senza pensarci e scaricate un programmino abilissimo a infilarsi nel vostro computer anche se annullate l’operazione e vi trovate collegati con una sperduta località delle Isole Vergini, spendete 10 euro al secondo per vedere un pene vigoroso di un modello di Malibù che entra ed esce dalla bocca di un baffuto di mezza età). Sui motori di ricerca molti siti vengono definiti "GRATIS" ma non è vero, al massimo offrono un rapido assaggio gratuito. Si entra dove c’è scritto "guest", si guardano immagini veramente poco esplicite, qualche bel ragazzone ma niente di più. Per le cose piccanti, per quelle veramente "hot", o si tira fuori la carta di credito per diventare "member" (metaforico, no?) o si scarica qualche programma-trappola. Però se si è accorti, on line si possono trovare cose carine, capaci di rallegrare serate solitarie o di coppia. Qualche sito libero con foto appetibili, newsgroup di amatori che mettono a disposizione gradevole materiale casereccio (tipo interni di case, letti con due uomini con la mascherina che si leccano e scopano, il tutto con quel sapore domestico e ruspante che può essere molto eccitante ed è la vera scoperta della pornografia contemporanea).

E poi ci sono le chat e le videochat, che possono servire per due chiacchiere, per incontri, o per fare cybersex. La parte interessante della pornografia gay su internet ha a che vedere con la riservatezza. Non si deve accumulare materiale da nascondere in qualche cassetto, basta sedersi, accarezzare il mouse, iniziare a navigare. Non ci sono interferenze, è possibile serbare l’anonimato, per avere una e-mail fittizia bastano pochi minuti, mentre una casella postale, necessaria per gli annunci sulle riviste cartacee specializzate, richiede più impegno e fatica.

Internet è un grande lunapark e i siti pornogay eccitanti e gratuiti sono un albero della cuccagna a disposizione. Non è difficile fare un po’ di esperienza, scaricare piccoli film, vedere belle immagini, scorrere annunci molto molto espliciti. Ma non credo che tutto questo possa sostituire la produzione pornogay cartacea. Le riviste, le videocassette. Intanto c’è un piacere sottile, c’è il senso del proibito e della sfida a scendere in edicola, magari in quella notturna (ce n’è una in ogni città), a guardare le immagini esposte nell’angolo più nascosto, a domandare a bassa voce la rivista preferita o a chiedere un film dal titolo inequivocabile ("anal gay", "bocche di uomini vogliosi", e cose simili).

Un amico mi ha confessato che non rinuncerebbe mai a quel brivido, a quel sottile piacere quando avvolge la rivista e la infila sotto la giacca, prima di rientrare e infilarsi a letto per sfogliarla insieme al suo compagno, pur non disdegnando certi newsgroup particolari e un paio di siti gratuiti pieni di foto di ragazzi aitanti e muscolosi. In realtà, la dimensione cartacea è speciale. Non può venire sostituita, non è accaduto per il libro (il fallimento degli e-book lo dimostra), non accade per le riviste di argomento generale o per i giornali (che hanno la versione on-line che si integra e completa quella cartacea ma non la sostituisce) e non può avvenire nemmeno per la pornografia. Sono possibili relazioni, "sinergie", come si dice. L’importante è che tutto avvenga all’insegna del sano piacere di cui possono e vogliono fruire gli adulti consenzienti. Che la fruizione delle immagini pornografiche avvenga all’insegna del divertimento, sdrammatizzando film e immagini che, alla lunga, possono diventare anche terribilmente noiose. Dipende da noi, da come siamo in grado di fruirne, dalle nostre teste. Come per tutto, in fondo, la pornografia gay non fa eccezione.

Leggi   Millennials, anche tra gli etero si diffonde il sesso anale

di Francesca Mazzucato

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...