Vladimir Luxuria

Vladimir Luxuria, anche detta Vladi, nata Wladimiro Guadagno (Foggia, 24 giugno 1965), è un’attivista, scrittrice, conduttrice televisiva, attrice, autrice teatrale ed ex politica italiana.

Per nascita appartenente al sesso maschile, nella vita ha adottato esclusivamente un ruolo di genere femminile. Lei stessa si definisce transgender. È stata deputata della XV Legislatura, durante il Governo Prodi II[2]. È stata la prima persona transgender a essere eletta al parlamento di uno Stato europeo[3].

Iniziò la carriera artistica nella città natale, Foggia, dapprima organizzando feste presso la discoteca Dirty Dixy Club, poi esibendosi con i suoi primi spettacoli dal vivo nel 1982 alla Taverna del Gufo. Nel 1985 si trasferì a Roma, dove si laureò in Lingue e Letterature Straniere con 110 e lode con una tesisullo scrittore Joseph Conrad[4].

Attivismo LGBT
Alla fine degli anni ottanta inizia il suo impegno nel movimento per i diritti della comunità LGBT (lesbica, gay, bisessuale e transgender). Entra a far parte del Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, di cui nel 1993 diventa direttore artistico organizzando la serata Muccassassina, che si teneva inizialmente al centro sociale “Villaggio Globale”. La serata diventa in quegli anni una delle più note della capitale, e arriva ad ospitare personaggi di calibro internazionale come David LaChapelle, Grace Jones, Rupert Everett, Alexander McQueen[5]. Insieme a Imma Battaglia e Vanni Piccolo fu organizzatrice del primo Gay Pride d’Italia[6], che si tenne a Roma il 2 luglio 1994 e al quale parteciparono circa diecimila persone.