diritto-lgbt-unioni-civili

I diritti delle persone omosessuali, transessuali, queer, lesbiche sono ancora oggi poco considerati, ed anche quando esistono sono esplicitati in modo poco chiaro dall’ordinamento italiano. La recente introduzione delle Unioni Civili  rappresenta sicuramente un primissimo passo verso il riconoscimento di alcune tutele minime e nella creazione di un “diritto LGBT”, ma la stessa applicazione delle legge non è sempre chiara e solleva molti interrogativi all’atto pratico, anche se questo può essere normale nei primi mesi di applicazione.

Posso unirmi civilmente con una persona proveniente da un paese dove questo diritto non è riconosciuto? Posso fare testamento e lasciare una eredità al mio compagno? Ho diritto alla reversibilità? Questi ed altri quesiti sono stati già affrontati in questa rubrica e Gay.it spera possano essere utili per i nostri lettori.

Ma non esistono solo quesiti legati alle Unioni Civili. Vi sono anche numerose domande su altri aspetti legali connessi all’omosessualità, cui i nostri avvocati saranno lieti di rispondere. Lascia la tua richiesta e verrà esaminata dal nostro team.

La rubrica è curata da Giuseppe Enrico Berti, avvocato socio di Rete Lenford (rete di legali esperti di tematiche LGBT), e Barbara Indovina, entrambi dello studio legale Berti / Ginosa.