A LETTO CON GLI SVEDESI

di

Giovedì 24 aprile, Good As You, primo magazine gay in onda su Canal Jimmy, si trasferisce a Stoccolma, per scoprire i segreti della gaylife nordica. E poi, l'indimenticabile...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2763 0

In esclusiva su Canal Jimmy la ottava puntata della nuova edizione di GOOD AS YOU, il magazine Tv orgoglioso di essere gay. In questo appuntamento dal titolo “Stoccolma” Sandro Cisco e Benedetta Emmer ci portano in Svezia, a Stoccolma, uno dei Paesi più all’avanguardia per quanto riguarda i diritti e le libertà individuali, nel quale la vita dei gay, delle lesbiche e dei transgender è all’insegna di un’assoluta integrazione. Anticipato da due episodi di Sex and the City, Good As You è seguito alle 22.25 dal film a tematica gay, in versione italiana, intitolato “Priscilla, la Regina del deserto” una commedia di Stephan Elliott con Terence Stamp, Hugo Weaving, Guy Pearce (Australia, 1994).
In Svezia il movimento omosessuale è nato negli anni ’50 e nei primi anni ’70 ha visto i primi pronunciamenti del Parlamento a favore dei diritti gay. Oggi nel paese scandinavo sono riconosciute legalmente le coppie, equiparate in tutto a quelle etero tradizionalmente sposate. Perfino i single, compresi quelli omosessuali, hanno il diritto di adottare minori provenienti anche da paesi esteri. Gli omosessuali e i transessuali sono tutelati da leggi antidiscriminazione molto precise in ogni aspetto della propria vita. La Svezia è l’unico paese al mondo dove il Parlamento ha istituito un’autorità garante dei diritti dei gay, l’HOMO, cui è stato messo a capo il signor Hans Yttemberg, ex giudice ed ex consulente giuridico del Ministro di Giustizia, che Good As You ha intervistato in esclusiva. Con lui si ripercorrono la storia del movimento gay svedese e il cammino fatto dalla Svezia per il riconoscimento dei diritti di omosessuali e transessuali, e si analizza l’attuale situazione e il dibattito politico che sui temi sociali ancora è alla ricerca di nuove frontiere da varcare.
Il magazine di Canal Jimmy ha incontrato Ulrica e Susanne, due lesbiche sposate, con un bambino di due anni, Olle, avuto da Ulrica con l’inseminazione artificiale. E’ stato scelto il ritratto di questa famiglia lesbica perché, pienamente riconosciuta dallo stato svedese e completamente accettata ed integrata con la Società, spiega meglio di qualsiasi altro discorso la “swedish way to be gay”. Ulrica e Susanne, che vivono a Vastertorp – un sobborgo di Stoccolma, ci accompagnano nella loro vita di tutti i giorni.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...