BATMAN E ROBIN SONO GAY?

di

Good As You, primo magazine gay della tv, si occupa dell'omosessualità nei fumetti. Con un docente di scienza della comunicazione e due editori di comics gay. E un'intervista...

1149 0

Sarà dedicata al tema dell’omosessualità la puntata di giovedì 14 novembre (ore 21.00 su Canal Jimmy, piattaforma Tele+ digitale) di Goood as You, il primo magazine settimanale sul mondo e la cultura GLBT. Per affrontare il tema dal punto di vista della comunicazione di massa, in studio ci sarà il prof. Sergio Brancato, della Facoltà di Scienze delle Comunicazioni presso l’Università La Sapienza di Roma.

Ma Good As You ha incontrato ed intervistato anche Massimiliano De Giovanni, responsabile casa editrice Kappa, che in Italia importa e traduce manga a soggetto gay (shonen-ai) provenienti dal Giappone e produce inoltre fumetti gay: con lui si approfondisce la conoscenza del mercato italiano della fumettistica specializzata in tematica omosessuale.

Per arricchire il servizio sui fumetti gay, Good As You ha anche incontrato Pasquale Ruggiero della Magic Press che in Italia diffonde comics americani, fra cui "The Authority" il fumetto con due supereroi gay, e Daniela Chiusa dell’YSAL, Associazione Culturale per la diffusione in Italia del genere shonen-ai, che spiega cosa sono questi particolari fumetti, i loro contenuti e la loro diffusione in Giappone e in Italia. I manga si dividono in Shonen e Shojo: i primi sono prodotti per i ragazzi e i secondi per le ragazze, una netta distinzione che nasce dalla stessa struttura della società giapponese. Dal filone dello Shojo nascono altri due settori: lo shonen-ai e lo yuri. Mentre lo Yuri è incentrato su storie d’amore tra donne, lo Shonen-ai parla normalmente di un amore tormentato tra ragazzi ma non si tratta di un genere prettamente gay: è creato da donne ad uso e consumo di donne, quasi sempre teenagers, in cui i protagonisti maschili pur essendo omosessuali sono strumenti di evasione femminile. E proprio in questo risiede il suo carattere rivoluzionario: gli uomini sono semplici oggetti, per soddisfare le fantasie erotiche delle autrici e delle lettrici che, in Giappone, sono tantissime e molto appassionate.

Se in Giappone da sempre ruota intorno alla sessualità in fumetto o in cartone animato una grande e particolare attenzione, al contrario nel resto del mondo i fumetti hanno ignorato per lungo tempo il tema della sessualità in generale: negli Stati Uniti tuttora esiste un potentissimo organismo di censura incentrato sull’autorità del Comics Code, una commissione che esamina i fumetti, li censura se troppo spinti e vincola gli autori ad apporre un bollino con la nota dicitura Parental Advisory. Agli inizi degli anni ’90, però, cominciano ad apparire personaggi gay in album generalisti come ne "L’incredibile Hulk" e "X-Men"" della Marvel Comics e "Superman" della DC Comics. Per esempio Northstar è un nuovo supereroe, omosessuale, della squadra degli X-Men, dove d’altronde erano già passati Mistique e Destiny con la loro storia seppur clandestina. Ma è tra le pagine della DC Comics che nascono i primi supereroi gay dichiarati: sono Apollo e Midnighter della serie "The Authority", che vanno ad aggiungersi all’universo della DC Comics che, dal 1937, edita le strisce di Superman, Batman e Wonder Woman. Per niente effemminati ma con un fisico da body builder, i due supereroi metaumani Apollo e Midnighter si amano e vivono insieme in una navetta spaziale. I due supereroi formano una vera e propria coppia e nel numero 13 dell’albo in un angolo della pagina si intravede il primo bacio per arrivare al numero 29 con la celebrazione del loro matrimonio. Seppur dopo gli eventi dell’11 settembre "The Authority" avesse incontrato negli Stati Uniti delle resistenze, per la crudezza e la violenza delle storie, la DC Comics ha poi ripreso le pubblicazioni dei nuovi episodi.

Leggi   "Chiamami col tuo nome": i due nuovi spot per la tv dell'attesissimo film di Luca Guadagnino

Per lo spazio dedicato al "ritratto", Good As You ha incontrato Sabina, che conduce una doppia vita: ha ventitré anni e studia medicina a Roma per diventare chirurgo estetico e nei week end si trasforma in Drag-King per serate GLBT in famosi locali notturni romani. Ha iniziato facendo la cubista ma la ricerca di nuovi personaggi da interpretare l’ha portata a diventare una Drag-King. Il suo futuro lo vede in corsia, una compagna e dei figli.

Alle 21.30 il magazine Good As You è seguito dal film a tematica omosessuale: "Quando cala la notte (When the Night is Falling)" – Canada, 1994 – di Patricia Rozema con Pascale Bussiers, Rachel Crawford e Henry Czerny, in versione originale sottotitolata. La tranquilla vita di Camille, che insieme al suo compagno Martin insegna in un istituto religioso, viene travolta da una passione dirompente per Petra, affascinante artista circense. Stile sapiente che racconta la paura e la meraviglia dell’amore omosessuale in questa pellicola che ha partecipato al Festival di Berlino 1995.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...