Beautiful vince 2 Daytime Emmys per la vicenda “transgender”

di

Beautiful è stata premiata per come ha trattato la vicenda di Maya Avant, primo personaggio transgender in una soap a sposarsi e metter su famiglia

beautiful_maya_avant_julius
1848 0

La soap opera Beautiful, seconda più vista in USA (dietro Febbre D’Amore) e fra i programmi più visti al mondo, ha vinto 2 Daytime Emmys (gli Emmy della televisione “diurna”) per la sua storyline dedicata a Maya Avant, il primo personaggio transgender in una soap opera a sposarsi ed essere, per giunta, in procinto di metter su famiglia tramite utero in affitto.

rick_e_maya_beautiful

Le due statuette sono arrivate per Miglior team di Scrittura in una serie drammatica e per Miglior guest star in una serie drammatica, premio (meritatissimo) che è andato a Obba Babatunde, che nella soap interpreta Julius Avant, il cinico e chiuso padre di Maya.

Bradley Bell, che si occupa dello show come produttore esecutivo e anche co-sceneggiatore, ha dichiarato:

Vogliamo portare anche nei programmi diurni ciò che davvero succede nel male e una storyline che preveda una storia di una donna transgender è al top degli interessi attualmente (vedi le leggi anti-trans dei bagni in North Carolina, ad esempio), e offre davvero molto da esplorare. Quella tra Rick e Maya, poi, è una grandissima storia d’amore. Siamo molto felici che la CBS (rete americana che trasmette la soap) ci abbia sostenuto!

obba_babatunde

Invece Obba Babatunde, a proposito della sua vittoria:

E’ meraviglioso, una gioia indescrivibile, sono felicissimo e non ho molte parole. La bellissima cosa che stiamo raccontando coi nostri personaggi e con questa storia di Maya e la sua famiglia è, semplicemente, crescita e innovazione.

Un applauso a Beautiful, che da morti assurde e storie più trash, negli ultimi anni si è evoluto in un prodotto sempre più di qualità e assolutamente innovativo. Voi che ne pensate?

Leggi   I modelli trans Loiza Lamers e Benjamin Melzer super sexy nella campagna PETA contro le pellicce
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...