CHE TIPI STRANI SI VEDONO IN TV!

di

E strano in inglese è 'queer'… Su Canal Jimmy partono stasera il vintage di 'American Dreams' e le comiche senza sceneggiatura di 'Curb your enthusiasm'. E domenica il...

662 0

Ancora novità per gli appassionati delle serie televisive. Su Canal Jimmy, la rete più queer della televisione satellitare, sono in arrivo appuntamenti cult per veri intenditori. Parliamo di American Dreams, Curb Your Enthusiasm e Carnivàle, pluripremiati prodotti del piccolo schermo made in USA.

Il vintage si fa sitcom

Se amate il vintage anni ’60 e ’70 l’appuntamento è per questa sera alle 21:00 con American Dreams. Vecchi successi televisivi e le intramontabili hits di quegli anni saranno gli ingredienti principali per raccontare l’avvento di una nuova cultura, fatta di rivoluzioni sessuali ed emancipazione femminile, di lotta pacifista e di scontri generazionali.

La storia è quella della famiglia Pryor che nella Philadelphia degli anni ’60 è alle prese con le smanie di successo della figlia sedicenne e con la volontà di suo fratello di abbandonare la squadra di football. Ma il quadro perfetto di questo sogno americano verrà presto scosso dalle temperie storiche che vanno preparandosi. Dall’assassinio Kennedy alla guerra in Vietnam, le 66 puntate sinora realizzate ci condurranno in un viaggio nel tempo dal sapore decisamente pop.

Molte le guest star che hanno partecipato alla serie da Art Garfunkel ad Alanis Morissette, da Alicia Keys a Macy Gray, preziosi cammei per un prodotto vincitore di ben 2 Emmy Awards.

Ridere del quotidiano, senza rete

Se l’amarcord, invece, non fa per voi non resta che attendere le 21:50 quando prenderà il via, anche in Italia, Curb Your Enthusiasm, originale serie comica pensata e interpretata da Larry David. Qui, tutti quelli che non amano i colori sgargianti della cultura popolare e della contestazione hippy, potranno fare un’immersione nel grigiore della vita quotidiana; scopriranno come le situazioni più banali possano diventare un’inesauribile riserva di sventure e ilarità.

Il protagonista è lo stesso Larry David che, privo della benchè minima sceneggiatura, si cimenta con le piccole grandi prove di tutti i giorni: telefonare, fare shopping, invitare gli amici… mai riuscirà ad evitare la rete degli equivoci che avviluppa ogni puntata. Girata con lo stile del documentario, la serie ricorda agli appassionati il vecchio cinema-verità fatto di camera a mano e di presa diretta. Attori che interpretano se stessi si confondono con quelli che recitano un personaggio in un gioco sempre in bilico tra finzione e realtà che mischia le carte e confonde la visione.

Anche qui volti noti saranno ospiti d’eccezione di puntate speciali: Ted Danson, Diane Keaton, Rob Reiner, Martin Scorsese, Mel Brooks, Ben Stiller sono solo alcuni dei nomi che hanno contribuito al successo della serie vincitrice, nel 2002, del prestigioso Golden Globe.

Circo e mistero

Dovranno infine attendere domenica gli orfani di Twin Peaks che dai primi anni ’90 vagano senza meta tra i palinsesti televisivi. Approda infatti sugli schermi italiani Carnivàle, serie della HBO (ricordate Sex & the City e Six Feet Under?) in onda tutte le domeniche alle 21:00. Con lei personaggi grotteschi e atmosfere dense di mistero tornano a turbare la nostra immaginazione catodica.

Nani, donne barbute, gemelli siamesi, ciechi telepatici, chiaroveggenti sono solo alcune delle improbabili figure che incontreremo sulla carovana circense del film. Vagabondi nella desolata Oklahoma degli anni ’30, il loro cammino si intreccia a quello di Ben, procace ragazzotto dai poteri soprannaturali, e del misterioso padre Justin, prete metodista. Saranno loro i protagonisti di una efferata ed inquietante lotta tra il Bene ed il Male.

Leggi   Marco Predolin shock: "Prendiamo Malgioglio e lo mettiamo sul rogo"

Il mito dell’Armageddon rivive sullo sfondo della Grande Depressione, in un clima di ansia ed incertezza crescente, promettendo di appassionare anche gli europei meno inclini al manicheismo americano.

di Mirco Cucina

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...