HARTNETT, GIOVANE STAR

di

Galleria di immagini e notizie sull'attore del momento, Josh Hartnett, interprete, accanto a Ben Affleck, di Pearl Harbour: giovane, atletico e sensuale, Josh ci svela i suoi segreti.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
962 0
962 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Clicca qui per le gallerie di immagini di Josh Hartnett

E’ giovanissimo, e della gioventù ha tutta la bellezza, un po’ acerba e inafferrabile. Ma dall’alto dei suoi 23 anni, Josh Hartnett è già una brillante stella del firmamento hollywooddiano. A consacrarlo definitivamente, se ce ne fosse stato bisopgno, è la sua recente interpretazione accanto a Ben Affleck (con lui nella foto sopra, clicca qui per il "Chi l’ha visto" su Affleck) nel colossal Pearl Harbour, dove interpreta il ruolo di Danny Walker, rivale in amore di Ben Affleck con il quale condivide la passione per la bella infermiera interpretata da Kate Beckinsale (con lui nella foto sotto).

Josh è nato a San Francisco il 21 luglio del 1978, e ha debuttato sul grande schermo proprio con un film intitolato "Debutante" (1997), ma è l’anno successivo quello della svolta: in "Halloween 20 anni dopo" (foto sotto) interpreta un ruolo importante, e, nonostante lo scarso successo del film, per Josh comincia la grande ascesa.

Nello stesso anno interpreta "The Faculty" (foto in basso) e "Il giardino delle vergini suicide" e nel 2000 film importanti come "Per una sola estate", "Amori in città e tradimenti in campagna", "Black Hawk Down" e "Blow Dry". Poi, il colpo grosso di "Pearl Harbour"…

Ma gli inizi per il bel Josh no sono stati tanto facili. Primo di quattro fratelli (tutti con nomi che iniziano cn la "J": Jessica, Jake e Joe!) spinto dalla madre, dopo il liceo si iscrive alla Università statale di New york, dove studia teatro. Ma non resiste a lungo: "Sono andato alla scuola di teatro – ha raccontato – e mi hanno buttato fuori a pedate!". Come mai? "Ahh… perché… ci sono un sacco di ragioni, un sacco. Beh, è una scuola a conduzione statale e non hanno molti fondi per le arti. così in realtà non riescono a laureare tutti quelli che ci entrano. Ci hanno preso in 26, e il primo giorno ci hanno detto che solo 7 di noi si sarebbero laureati.

E questa non è una bella posizione in cui porre un giovane attore un po’ volubile, spingendoci gli uni contro gli altri. Così, in ogni modo, dissi loro che forse non era il modo migliore di trattarci, in una lettera molto eloquente. E loro non l’hanno per niente apprezzato. Poi c’era anche qualcosa a riguardo della figlia del professore…"

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...