HEATH LEDGER, DOLCE COMBATTENTE

di

Viso da eterno adolescente e sorriso mozzafiato, copro da atleta e simpatia da ragazzo della porta accanto. E' la nuova stella del cinema arrivata dall'Australia. E alle spalle...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Clicca ui per la galleria di foto di Heath Ledger

Quale sarà il motivo per cui in Australia e Nuova Zelanda fioriscono bellissimi talenti? Dopo Russell Crowe, Lucy Lawless, Nicole Kidman e Mel Gibson e Kylie Minogue, solo per nominarne alcuni, ecco che arriva fino a noi il dolce e sfuggente Heath Ledger.

A prima vista sembrerebbe il ragazzo della porta accanto: riccioli d’oro sulla fronte, sguardo ridente e atteggiamento casual, ma quando lo vedi sullo schermo è impossibile levargli gli occhi da dosso. Dice di lui Brian Elgeland, regista di “A Knight’s Tale“: “Quando Heath sorride è il paradiso. Un ragazzo come lui nasce una volta ogni 50 anni!”

In Italia lo abbiamo visto su Italia Uno nella serie di telefilm “Roar“, di cui era il protagonista nei panni di un guerriero celta, il prescelto Conor. Nell’anno 400 DC, Conor deve superare la tragedia della morte della sua famiglia per portare il suo popolo alla libertà.

Sul tragitto dovrà scontrarsi con Longino che, sebbene abbia l’aspetto di un trentenne, è in realtà un centurione romano nato 400 anni prima. Nella battaglia per la libertà, Conor e i suoi combattono per il “Roar”, il ruggito della terra, l’urlo del popolo, una voce che riecheggia in ogni essere vivente ed è l’energia vitale stessa.

Ma Heath non è solo Roar: ne “il Patriota” era il figlio di Mel Gibson, e poi era in “nel nome del padre“, “Dieci cose che odio di te“, “Peter Pan” ecc. ecc… La sua fama è tutta guadagnata: partito da casa con 69 centesimi in tasca e abbastanza cibo per arrivare ad Hollywood, lui ce l’ha fatta.

Una fortunata combinazione di innata intelligenza, talento incomparabile ed estrema testardaggine lo hanno portato ad essere quelo che è oggi. Si è guadagnato la stima e il rispetto del suo mentore nel “Patriota”, Mel Gibson, che afferma: “Heath possiede una combinazione non comune: una presenza incredibile e non si da arie”.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...