IL NUDO CHE FERMO’ LONDRA

di

Tutto su Travis Fimmel, il ragazzo che con indosso solo gli slip ha mandato in tilt il traffico a New York e nella capitale inglese. La moda, le...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
2230 0
2230 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Clicca qui per la galleria di foto di Travis Fimmel

LONDRA. Prendete un ragazzotto di campagna, infilategli uno slip Calvin Klein di quelli "giusti" e fermerete il traffico nelle più ingorgate arterie di comunicazione del pianeta. E’ quello che è successo a Travis Fimmel, balzato alla notorietà per aver posato per l’ultima campagna pubblicitaria della nota marca di intimo: pagine sulle principali riviste di mezzo mondo, spot e, soprattutto, manifesti giganti con immagini mozzafiato. Quei manifesti che hanno causato ingenti problemi di traffico prima sulla Houston Street di New York, poi a Oxford Street a Londra. Tamponamenti, imbottigliamenti e altre amenità a causa delle centinaia di guidatori e guidatrici con il naso all’insù per ammirare il corpo mozzafiato del bel Travis. Che, dal canto suo, rifiuta ogni divismo e scherza: "Bello, io? Sono solo trucchi fotografici ben riusciti…"

Travis Fimmel ha 22 anni, è l’ultimo di tre fratelli e sin da bambino ha lavorato alla fattoria di famiglia a una quarantina di chilometri da Echuca, nello stato australiano di Victoria. Un’infanzia e un’adolescenza passata a mungere vacche, cacciare le volpi e a coltivare la passione per le moto. Poi, cinque anni fa, la fuga: il giovane Travis, assolutamente ignaro di ciò che avrebbe voluto fare, parte per Melbourne, dove viene notato da un talent scout. Ma lui non si ferma: a 18 anni va a Londra, dove resta per due anni. Lavora in un pub, ha una storia con Nicole Appleton delle All Saints. Molti giornali, anni dopo, riferiscono che Travis definisce la sua ex come "terribilmente noiosa", ma lui smentisce, dicendo che era molto carina ma che le cose tra di loro non funzionavano. E’ stata lei a lasciarlo.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...