Pechino Express, intervista a Diego Passoni e Cristina Bugatty: “Il sesso a Pechino? Ve lo raccontiamo noi!”

di

Diego Passoni e Cristina Bugatty si confessano in esclusiva (e senza peli sulla lingua) a GAYIT sulla loro esperienza a Pechino Express. E ci parlano di come hanno...

CONDIVIDI
1.5k Condivisioni Facebook 1.5k Twitter Google WhatsApp
91385 0

Dio li fa e poi l’accoppia! Questo è il primo pensiero che mi sono fatto dopo aver incontrato la coppia più queer della nuova edizione di Pechino Express. Diego Passoni e Cristina Bugatty formano il duo de I CONTRIBUENTI e, stando ai primi sondaggi, sembrerebbero essere la coppia preferita dal pubblico da casa. Diego, voce (oramai) storica di Radio Deejay, non ha bisogno di grosse presentazioni, mentre Cristina Bugatty meriterebbe (forse) una piccola presentazione. Fisico perfetto, make up alla Facetune, un passato tra web, cinema, teatro, fiction e televisione, assieme all’irriverente Piero Chiambretti e al politicamente scorretto Vittorio Sgarbi. Ad oggi, entrambi, fanno parte delle colonne portanti dell’universo gay nel mondo della showbiz e, tra una domanda e l’altra, ci si accorge sin da subito di quanto siano complici, ma anche di quanto siano diversi. Riusciranno i nostri eroi a tinte arcobaleno a conquistare il podio del game show più friendly di sempre?

Questa è stata l’edizione più queer della storia di Pechino Express. Come ci si sente ad essere, per un certo senso, le colonne portanti?

Diego: Oddio, io più che una colonna portante mi sento una mensola ad angolo. Detto questo, io non vorrei rappresentare nessuno a parte me stesso, o, se proprio devo, la minoranza omosessuale dei mancini che non amano Madonna e che sanno guidare meglio delle lesbiche.

Cristina: Piano con le responsabilità. Poi per chi mi ha preso? Sono una persona dabbene! Scherzi a parte, spero solo che la mia anima non venga fraintesa.

Perché Pechino, secondo voi, ha questo appeal così forte sul mondo LGBT?

Diego: Pechino è un programma trasversale, che è scritto e realizzato con grande cura, e per questo può permettersi di essere cinico e baraccone. Tutto questo, alla fin fine, corrisponde a molto di ciò che ha nutrito l’immaginario LGBT.

Cristina: Perché è un reality di qualità che offre continue emozioni; immortala luoghi spesso inaccessibili alle televisioni, racconta vite sconosciute ed è accompagnato da musiche stupende. Il fatto poi che le ricompense a fine tappa e il montepremi finale siano devoluti in beneficenza sono un valore aggiunto.

Un bilancio della vostra esperienza?

Diego: (ride, ndr) Sono diplomato in ragioneria ma non ho mai quadrato un bilancio! L’esperienza è strapositiva. Detto questo sono tornato stanco morto e la rifarei solo per molti, ma molti soldi.

Cristina: Un bilancio super positivo, nonostante sia stato molto faticoso. Mi sono trovata a riflettere in luoghi privi di vita, ho provato spesso disgusto, ho vissuto cose tremende sia a telecamere accese, che a telecamere spente. Non posso raccontare molto, ma lo rifarei. Ho avuto la fortuna, oltretutto, di trovare degli amici tra alcuni concorrenti: persone speciali, autoironiche, intelligenti con le quali coltiverò il rapporto, anche al di fuori dal gioco.

Diego-Passoni-e-Cristina-Bugatty

 

Da dove nasce l’idea de: “I Contribuenti?”

Diego: Cristina ed io cercavamo un’accezione che indicasse la nostra coppia, ma che non escludesse nessuno, e soprattutto non confermasse il solito cliché di una certa tv generalista che dipinge l’omosessualità come un accessorio esotico da tenere in salotto. Contribuenti sono tutti coloro che lavorano onestamente, e che, di conseguenza, dovrebbero avere gli stessi diritti.

Cristina: Molti sono convinti che le persone del mondo LGBT, soprattutto gli uomini che diventano donne, non paghino le tasse. Ovviamente, non é così. La maggior parte delle  persone appartenenti al nostro mondo paga le tasse, anche se non usufruiamo degli stessi diritti degli altri e non è giusto; dato che Diego ed io siamo per il “Tasse pagate, diritti dovuti” e che abbiamo aperto le nostre partite iva molto tempo fa, ci sembrava un’accezione  più che appropriata per rappresentarci. Non trova?

Piuttosto, cosa vi ha spinto ad accettare questa sfida?

Leggi   Costantino della Gherardesca: “Condurrò The Voice nello stile asciutto di Corrado”

Diego: La sfida nella sfida era vivere Pechino Express con Cristina, che non conoscevo così intimamente. Alla fine si è trattato di una full immersion nei pregi e nei difetti dell’altro, buttati sulle strade del centro America cercando di sopravvivere. Soprattutto a noi stessi.

Cristina: Ho accettato questa sfida per vincere alcune paure ed evolvere. Fa  sempre bene confrontarsi con realtà differenti dalla nostra  per capire meglio  noi stessi, le persone che ci circondano e tante altre cose prima non approfondite o mai pensate.

Diego, che compagno d’avventura è stato?

Diego è stato un compagno  coinvolto, assetato di sapere, tenace, sicuro ed energico, nonostante il contesto abbia fatto emergere  le debolezze nascoste di tutti.

E Cristina, invece?

Cristina è una persona educata, intensa e un po’ cervellotica. E’ stata sorprendente per come si è superata giorno dopo giorno.

Quasi tutti i concorrenti delle passate edizioni tornavano spiritualmente sconvolti. Voi?

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...