Poliziotto gay al Grande Fratello? “Va radiato”

di

Nella girandola di nomi che anticipa l'inizio del Grande Fratello è finito anche Fabrizio Caiazza, il poliziotto che finì sotto accusa per le foto in divisa. L'assessore alla...

Assomiglia un po’ al caso Povia: le polemiche sono arrivate prima che i fatti avenissero. Così il poliziotto milanese Fabrizio Caiazza, finito nella bufera per alcuni scatti in divisa per il magazine Clubbing, è stato messo sul banco degli imputanti per la sua presunta – e nel caso futura – partecipazione alla nona edizione del Grande Fratello che inizierà lunedì 12 gennaio.

Il via alle indiscrezioni lo aveva dato il settimanale Tv Sorrisi e Canzoni, che già il mese scorso vantava una lista di possibili concorrenti fra cui, appunto, il poliziotto. I rumors sono poi continuati con un passaparola sul web che è bastato a renderli piuttosto verosimili.

Pettegolezzi, ma tanto è bastato per far intervenire sulla vinceda il comando dei vigili urbani da cui dipende Caiazza e anche l’assessore regionale alla sicurezza Prosperini, noto esponente di Alleanza Nazionale che passò alle cronache per aver auspicato la pena di morte con la garrota per gli omosessuali. «Se va al Grande Fratello va radiato: non è un buon esempio per la città né per gli altri vigili» ha detto l’assessore. Mentre con toni decisamente più pacati il comando dei vigili nega di aver dato al suo dipendente alcuna autorizzazione in merito.

Come aveva spiegato lo stesso Fabrizio Caiazza a Gay.it, per un vigile urbano è fatto assoluto divieto di percepire compensi al di là del proprio stipendio di "ghisa". Da qui la necessità di un’autorizzazione a compiere qualsiasi attività esterna al lavoro di vigile.

Inutile dire che la smentita alla presenza come concorrente al GF9 sono arrivate anche dallo stesso Caiazza, che però non potrebbe, per regolamento, rivelare comunque la sua partecipazione al reality. Le polemiche sulle "foto proibite" si conlcuse con una mini-multa. Che accadrà questa volta?

Leggi   Il dottore della dieta dei gruppi sanguigni: "L'omosessualità è uno squilibrio ormonale voluto dalla natura contro la sovrappopolazione"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...