Raffaella Carrà: “Piaccio ai gay perché ho fantasia”

di

In un'intervista rilasciata a Repubblica, il caschetto d'Oro della TV confessa di non sapere perché è diventata un'icona gay e dice: "Forse perché ho fantasia e per il...

4874 0

In un’intervista rilasciata a Repubblica.it la Raffa nazionale si confessa (senza mai cadere nel gossip spicciolo) e parla di sé, della sua carriera televisiva, della sua vita privata e anche di politica.
Ma Raffaella Carrà, inutile negarlo, è per molti l’icona gay per antonomasia, uno status che si conquista con la classe che solo personaggi come il Caschetto d’Oro della TV hanno dimostrato.
E inevitabile arriva a tl proposito la domanda della giornalista.
“Piace molto alle donne e ai gay. Come si diventa un’icona?” le chiede. “Questo proprio non lo so – risponde la giudice di The Voice of Italy -. Forse piaccio alle donne perché mi vedono naturale, con i miei segni del tempo; e ai gay perché amano la mia fantasia e il mio modo di essere… Ma forse lo credo solo io”.

Raffaella racconta, poi, un po’ l’esperienza di The Voice of italy, il talent musicale in onda su Rai Due e specialmente delle famigerate “audizioni cieche”. “È una grande responsabilità anche se un programma non è decisivo per una carriera – ha spiegato -. Nelle blind audition ascoltavamo solo la voce e cercavamo l’emozione che quella voce ti dava. Mandare a casa qualcuno è stato difficile”.
Sul fronte vita privata, poi, nessun rimpianto, tranne uno: non avere avuto un figlio. “Del matrimonio non sento la mancanza – confessa -, di un bimbo sì. Troppo lungo spiegare che la natura decide per te e non tu per lei. In compenso ho due meravigliosi nipoti che amo e che mi amano”.

Leggi   Trono gay, minacce anonime a Maria De Filippi: "Ora tremo"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...