RITOCCARSI E’ BELLO

di

Parte domani "Bisturi" il nuovo reality show di Italia 1 sulla chirurgia estetica. Al timone, un'inedita coppia: Irene Pivetti e Platinette. Vabbè, nessuno è perfetto…

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


ROMA – Piccole trasformazioni, correzione d’inestetismi per stare meglio con se stessi, rinoplastica, liposuzione, aumento o riduzione del seno. Ma nessun labbro ‘canotto’. La chirurgia estetica diventa positiva per ‘Bisturi! Nessuno è perfetto‘, il nuovo reality show di Italia 1, in onda da domani e per sette settimane in prima serata, che si occupa dei cambiamenti di look. Il programma, prodotto dalla Endemol Italia, sarà condotto da Irene Pivetti e Platinette, nelle vesti di opinionista.
Un tema estremamente d’attualità, quello della chirurgia estetica, considerato il fatto che secondo un rapporto dell’Eurispes, in Italia il 54% delle donne e il 43% degli uomini vorrebbero cambiare il proprio aspetto estetico. “Italia 1 non poteva non considerare questo fenomeno – ha detto il direttore Luca Tiraboschi – Siamo stati sempre una rete all’avanguardia per i contenuti e per l’intrattenimento e quindi non potevamo non stare dietro alla moda del momento”.
Tiraboschi, però, tiene a specificare che questo programma nasce sulle ceneri di ‘Brutto anatroccolo’, che andò in onda sempre su Italia 1 nel 1998. “E’ un’evoluzione di quel formato – ha detto il direttore – quindi le radici di ‘Bisturi’ appartengono a Italia 1 e non a Raidue”. Ogni settimana gente comune e due vip si sottoporranno a interventi estetici e chirurgici e in diretta verranno mostrati tutti i passaggi, dalla realizzazione ai risultati. “Un programma democratico” lo ha definito il presidente di Endemol Marco Bassetti, “perchè dà la possibilità di migliorare un problema fisico a chi non se lo può permettere”.
E seppure un format simile viene dall’America, (è andato in onda due settimane fa su Raidue ‘Extreme Makeover‘, subito interrotto), la Endemol rivendica la paternità di questo programma. “Ci sono tanti programmi di chirurgia plastica”, ha spiegato Bassetti al quale fa eco Pasquale Romano, autore della trasmissione. “Il problema della novità in tv si pone in termini di linguaggio – ha detto – Questo reality è l’evoluzione degli esperimenti precedenti, tanto è vero che qui, rispetto ad altri, abbiamo inserito la chirurgia estetica”.
Per Irene Pivetti si tratta del debutto sulle reti Mediaset. “E’ una sfida non da poco – ha detto l’ex presidente della Camera – ma sono contenta di averla raccolta. E’ un programma divertente, ma anche fatto di emozioni”. Reduce dai talk su La7, la Pivetti ha spiegato anche di ammirare le persone che si sono sottoposte agli interventi, non solo per il coraggio di farli, ma “anche di mostrare tutto il procedimento davanti alle telecamere”. Anche lei ha sottolineato l’importanza dell’argomento trattato nel programma, ma “va fatto con responsabilità – ha ammesso – tanto che un buon chirurgo plastico si riconosce ancora prima del suo intervento dai suoi ‘no'”. E tanti sono stati i rifiuti di accettare storie ‘impossibili’ a ‘Bisturi’.
Non tutto è permesso. Come, infatti, ha spiegato uno dei medici che operano i pazienti del programma. “La vera chirurgia estetica è quella che non si vede – ha specificato Giuseppe Leopizzi – e questo reality ci ha dato l’opportunità di far vedere veramente cosa sia la chirurgia estetica, riportandola nel campo della medicina”.
Con Platinette, al fianco della Pivetti, si prevedono commenti piccanti sui tocchi e ritocchi fatti da gente comune e da vip. “Ancora adesso mi chiedo che cosa ci faccio io in un simile programma – ha detto – io sono orrenda e tale resto mentre sarò contornata da belle che diventano ancora più belle”. A parte le battute a cui ci ha sempre abituato, Platinette ha voluto ribadire l’importanza di questo reality. “Non si tratta solo di un cambiamento di look ma di natura, non dico morale, ma qualcosa che ci assomiglia. Affidare a me un programma di prima serata, infatti, significa che ci sono stati cambiamenti non solo operati con il bisturi”.
E se in anni passati Platinette se l’è presa con le dive che non ammettevano di aver essersi ‘ritoccate’, ha ammesso che anche in questo caso sarà inclemente con chi non riconoscerà la realtà. “Le bastonate non sono mai gratuite e se ci sarà bisogno lo farò anche qui. Mi infastidiscono le persone che non ammettono l’evidenza”.
Non ci saranno politici a sottoporsi a interventi di chirurgia estetica o cambiamenti di look. “Ospiteremo i vip – ha detto Tiraboschi – ma questo non è un programma per loro, ma sono storie di gente comune. Il personaggio famoso non è la nostra prima ricerca”. “I politici telegenici – ha spiegato invece la Pivetti – sono sempre gli stessi, la Turco o la Mussolini, e da noi non sarebbero la novità”.
Ma non è escluso che fino alla fine del reality qualcuno possa presentarsi. “Qualora ci fosse qualcuno che volesse farsi operare – ha concluso Bassetti – siamo ancora in tempo per farlo venire in trasmissione”.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...