SPOT CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

di

L'agenzia milanese FCB realizza gratuitamente per Arcobaleno uno spot che dia visibilità alle rivendicazioni del Pride milanese sui media: risultato, una lotta contro tutte le discriminazioni.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Vedi il video, Versione 56Kb

Vedi il video, Versione ISDN/ADSL

(Richiede Microsoft Media Player)

Uno spot contro tutte le discriminazioni: questa è stata l’idea di base intorno alla quale è nato lo spot che potete vedere cliccando qui. Uno spot realizzato dall’agenzia pubblicitaria FCB di Milano, una delle più importanti in Italia, che ha offerto a Arcobaleno, il comitato organizzatore del Pride milanese, di realizzare un prodotto che aiutasse a dare visibilità sui media alle rivendicazioni del movimento gay.

Arcobaleno, giustamente, seguendo lo spirito del Pride 2001, ha suggerito di realizzare un prodotto "contro tutte le discriminazioni", appunto: e così è stato. Pur parlando di omosessualità, lo spot veicola un messaggio che è volto a combattere ogni sopruso che qualsiasi categoria della nostra società è costretta ingiustamente a subire.

Ne parliamo con Enrico Chiarugi della FCB, che del film è stato direttore artistico. E’ lui che ci racconta qual è l’idea ispiratrice del film:

L’idea creativa è nata da noi in agenzia: noi abbiamo interpellato Arcobaleno per sapere se avevano bisogno di qualcosa, e loro hanno acconsentito. Ci hanno chiesto, così, di realizzare un film "contro tutte le discriminazioni". Ovviamente eravamo ben consapevoli che non c’era un budget, ma abbiamo comunque accettato di fare un film che avesse una certa presa, pur essendo a basso costo, visto che tutti hanno lavorato gratuitamente, dalla casa di produzione, all’attore, a noi come agenzia. L’idea è stata quella di legarsi a un discorso generale contro la discriminazione: così abbiamo giocato a spiazzare lo spettatore, facendogli credere a un certo tipo di discriminazione, e poi improvvisamente sorprenderlo con una sola parola. Vedendo il video, la maggior parte degli spettatori pensa, in base ai propri clichè, a una discriminazione per motivi razziali; l’ultima frase "per loro resto sempre e soltanto un omosessuale" rovescia tutto quello che si è detto prima, rivelando allo spettatore che si parla di omosessualità. Così lo spot si può concludere con la frase "non importa il motivo per cui tu vieni discriminato, importa solo dire basta". Quindi con un messaggio di lotta contro tutte le discriminazioni.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...