TOM CRUISE, SOGNO AVVERATO

di

A Roma per 'Minority report', il divo ha trascurato i fans. Ma il parlamentare Ds Franco Grilini si è fatto fotografare al suo fianco, in un albergo. Ecco...

1068 0

Clicca qui per la galleria di foto di Tom Cruise

ROMA – Sognavate una foto con Tom Cruise? Franco Grillini ha realizzato il sogno. Mercoledì scorso è stato invitato a una serata di Scientology, la chiesa americana cui Cruise aderisce, e il divo, che era a Roma per presentare "Minority Report", l’ultimo film di Steven Spielberg di cui è protagonista, ha voluto presenziare alla manifestazione che si teneva in un albergo romano. Gran silenzio stampa intorno alla sua presenza: Cruise non ama parlare della sua adesione alla discussa chiesa americana. "Nessuna domanda su Scientology" ha chiesto ai giornalisti italiani.

Ma alla manifestazione erano stati invitati vari parlamentari, tra cui il presidente onorario Arcigay Franco Grillini, l’unico ad essere presente. Il motivo? «Molti miei colleghi, sia di destra che di sinistra, sono contrari a Scientology. E anch’io ho precisato che non condivido affatto le loro iniziative. Però, sono un parlamentare fuori dagli schemi, e vado ovunque mi invitino. Purché mi permettano di dire quello che penso».

Dobbiamo credere che la presenza di Tom Cruise non abbia giocato affatto per convincere Grillini ad andare alla manifestazione? «Beh, ammetto che sono sempre stato un ammiratore di Cruise. Lui è stato uno dei miei miti erotici».

Così il parlamentare Ds ne ha approfittato per avvicinare il bel divo, farsi presentare a lui («gli hanno spiegato bene chi fossi, e lui si è molto complimentato con me») farsi invitare alla prima romana di "Minority Report" («alla quale non sono potuto andare purtroppo, per impegni di lavoro»), e, soprattutto, scattare la foto che lo immortala vicino a uno degli uomini più desiderati del pianeta.

«Ho spedito la foto a tutti i miei amici per farli scoppiare d’invidia – ha raccontato Grillini – Diceva un mio amico: "generazioni di gay hanno sognato di notte Tom Cruise"».

E’ la seconda volta quest’anno che Tom Cruise viene in Italia ed in particolare a Roma, dopo essere stato nella capitale a febbraio per presentare ‘Vanilla Sky’. E questa volta è arrivato accompagnato dal regista più famoso del mondo, Steven Spielberg. I due sono stati accolti al cinema Adriano, dove veniva presentato ‘Minority Report’, da un nutrito parterre di stelle italiane, da Marina Ripa di Meana a Lunetta Savino, passando per Giuliana De Sio. Prima dell’inizio della proiezione sia Cruise che Spielberg sono stati molto disponibili con la stampa, ma questa volta Tom ha trascurato i fans, che lo hanno invano atteso all’esterno del cinema sotto una pioggia battente.

"Minority Report", tratto dall’omonimo racconto del visionario Philip Dick, è una pellicola inquietante dove il mondo non spaventa tanto per l’evoluzione tecnologica quanto per la degenerazione verso il quale naviga. «A volte seduto davanti alla televisione, mi sento osservato – ha detto Spielberg – spiato dallo schermo. Penso che un giorno la tecnologia potrebbe conoscere noi più di quanto noi conosciamo lei, rompere la nostra privacy, traversare le pareti delle nostre case e dei nostri uffici, invadere le nostre vite. Io, come del resto Stanley Kubrick, che ho frequentato per 18 anni, abbiamo una visione pessimistica non dell’uomo ma delle macchine ed è buffo che due persone come me e lui il cui lavoro dipende totalmente dalle macchine ne abbiamo tanta paura».

Leggi   Descendants 2, censura della Disney: tagliato un bacio gay

Clicca qui per la galleria di foto di Tom Cruise

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...