ANCHE MALTA SI FA GAY

di

Nella cattolicissima isola ha aperto un "gay men only hotel". Siamo stati a visitarlo. E abbiamo scoperto che qui la gaylife è sorprendentemente vivace. Non male, per un...

18600 0

La notizia è sorprendente e quasi si stenta a crederci: aperto un hotel gay a Malta. Nella cattolicissima e bigotta Malta? Sembra uno scherzo, ma una veloce ricerca conferma che in effetti esiste il Kappara Hotel. Il sito dell’hotel promette un soggiorno piacevole in un “gay men only Hotel” da usare come base per visitare lo splendido arcipelago maltese e per socializzare con la locale comunità gay.

Malta non è difficile da raggiungere. Ci si può imbarcare a Roma su un volo Air Malta per La Valletta, volo che dura solo un’ora e quindici minuti. Anche la rivista di Air Malta a bordo del velivolo decanta le bellezze dell’arcipelago e promette 7.000 anni di storia con vestigia di tutte le epoche e di tutte le civiltà che hanno transitato o si sono stabilite sull’isola principale; delizie enogastronomiche, divertimento, mare e casinò. Offerte sorprendenti, per un paese che fino a poco tempo fa era noto solo per i Cavalieri e per i corsi di lingua inglese a costi competitivi!

I gestori del Kappara Hotel sono Eileen e suo marito Alan, una coppia di inglesi di mezza età, due splendide persone, molto più giovani della loro età anagrafica ed incredibilmente interessanti. Sono finiti a Malta dopo aver viaggiato e lavorato in mezzo mondo e quasi sempre a contatto con gay. Hanno deciso di stabilirsi a Malta dopo varie visite esplorative e di aprire un hotel esclusivamente gay con loro figlio Seth.

L’hotel, nel prossimo futuro, dovrebbe diventare il set di una sit com gay chiamata Al Kappara Hotel. Una Tv inglese è interessata alla cosa ed il progetto ha molte possibilità di essere realizzato in tempi brevi. Al soggetto sta lavorando un autore maltese, Frederick Testa, ed è previsto il coinvolgimento degli ospiti dell’hotel nelle varie puntate.

L’Hotel è situato ad un chilometro e mezzo da Sliema ed è composto da 20 camere, bar al bordo della piscina, ristorante e bar nella cantina. In pochi mesi il Kappara è diventato punto di riferimento dei gay maltesi che lo frequentano come se fosse un comune locale gay che oltre al bar la sera, offre l’uso della piscina durante il giorno e la possibilità di socializzare con gli ospiti dell’hotel.

La gestione e l’atmosfera è molto rilassata e familiare: non c’è portiere di notte e a tutti gli ospiti viene data la chiave della porta d’ingresso in modo di andare e venire senza problemi; non ci sono restrizioni su eventuali ospiti e ai singoli viene data una doppia con un supplemento poco più che simbolico. Eileen e Alan animano le giornate proponendo escursioni o itinerari da seguire, e fanno sempre in modo di agevolare la conoscenza fra gli ospiti dell’hotel. Hanno anche una barca da utilizzare su prenotazione di piccoli gruppi per escursioni in mare. L’atmosfera è più quella di una guest house che di un hotel e il soggiorno al Kappara risulta essere più che piacevole.

Oltre che al Kappara, i gay maltesi si trovano al Tom Bar a La Valletta, gestito da 12 anni da una coppia gay. Dalle 3 di mattina in poi, la scena si sposta al Candy Bar di Paceville per ballare fino a mattina. Altro locale frequentato da gay è il London Pub a St. Julian. In genere molti dei locali notturni di Paceville e St. Julian sono misti: in un paese super cattolico come Malta, il senso di comunità ed una visibilità socialmente diffusa sono ancora un’utopia, quindi i gay sono ovunque e da nessuna parte, ma… trovarli, non è difficile. I gay locali consigliano anche puntate nei piccoli paesi dell’interno, con sosta nei bar delle piazze principali… A Malta tutti parlano inglese ed italiano senza problemi, quindi la comunicazione è facile ed immediata.

Il mare, pulito e incontaminato, ha coste prevalentemente scogliose intervallate da rare piccole spiagge di sabbia. Due di queste, Golden Bay e Ghenyna, 20 km a nord di Sliema, sono frequentate da gay. Le due spiagge sono raggiungibili con bus di linea dal lungomare di Sliema in mezz’ora. A Malta, purtroppo, non è consentito il nudismo.

Le cose da vedere a Malta sono tantissime a cominciare dalla splendida e decadente Valletta, una città bellissima, fortificata e circondata dal mare. Costruita dal niente alla fine del ‘500 da architetti ed ingegneri italiani, La Valletta era al tempo una delle città più moderne e funzionali d’Europa. Altra città da vedere assolutamente è Mdina, una Pienza maltese, dove sulle fondamenta di antichi insediamenti preesistenti, l’aristocrazia dell’isola ha nei secoli lasciata traccia della propria esistenza con magnifici edifici, in stili diversissimi, ma che creano un insieme di rara bellezza e fascino specialmente durante la notte. Durante il soggiorno a Malta sono consigliate escursioni a Gozo e Comino.

di Christian Panicucci

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...