BRIGHTON, LA MYKONOS DEL NORD

di

Uno splendido lungomare sulla Manica, un’architettura vittoriana senza uguali, spiaggie nudiste a portata di mano e, soprattutto, la città con la percentuale di gay piú alta del Regno...

3091 0

“Quest’anno faccio un corso d’inglese all’estero”. Questa è la prima reazione quando il vostro vicino di sgabello rimorchia l’australiano che avevate puntato da circa mezz’ora e con cui peró eravate solo riusciti a scambiarvi un paio di patetiche frasi del tipo “What’s your name…”, “Are you a tourist?” prima che tra voi calasse il silenzio nonché, come un avvoltoio, quel tipo che subito gli aveva parlato in inglese e con cui dopo un po’ la vostra preda se ne era andata.

Va bene il corso di lingua, ma le vacanze sono vacanze e bisogna pur andare in un posto divertente. Londra e Dublino, neanche a pensarci…. con tutti gli italiani che ci sono piuttosto che l’inglese imparereste il bergamasco (sia nella versione Bergamo Alta sia in quella Bergamo Bassa).

Ecco, invece, il posto che fa per voi: uno splendido lungomare sulla Manica, un’architettura vittoriana senza uguali, spiaggie nudiste a portata di mano e, soprattutto, la città con la percentuale di gay piú alta del Regno Unito, il Gay Pride piú famoso d’Inghilterra… in una parola, Brighton.

A soli 49 minuti dalla Victoria Station di Londra e a 30 dall’aeroporto di Gatwick si trova quest’oasi di relax, con un’atmosfera unica nel panorama britannico. Fin dall’inizio del secolo, infatti, quando i londinesi si stancavano della rigidezza dei costumi dell’epoca vittoriana, si rifugiavano qui e tra i simboli di queste “fughe” dalla repressione si possono ammirare il fantastico Royal Pavillon (esterni in un fiammeggiante stile indiano e interni cinesi) o il West Pier, una magica visione costruita su un molo e rimasta uguale a come era nel 1916.

La tolleranza sui costumi sessuali è dunque una prerogativa storica di Brighton ed è per questo che a partire dagli anni ‘70 questa cittadina si è trasformta in una sorta di Mykonos del Nord, la Sitges della Manica. La maggior parte della scena gay di Brighton si concentra nel quartiere di Kemptown, tra St James’s Street e Old Steine. Qui si trova la maggior parte dei locali, dei negozi e dei bar.

Tra questi il piú famoso è il Revenge, una discoteca che attira una folla per i suoi week-end danzanti e per gli strip-tease di ogni martedí. Per gli over-30 la pista indicata è quella del Secrets mentre chi preferisce un’atmosfera piú trendy andrà direttamente al Zanzibar, un video-bar molto ben frequentato come pre-disco. Orsi e fans del cuoio si incontano invece all Scwarz Bar.

Il numero di ristoranti e di hotel “gay friendly” è impressionante. Sono veramente pochi quelli su cui non sventola una bandierina o sulla cui porta non ci sia un adesivo arcobaleno.

Di giorno, dopo la lezione d’inglese, si puó fare un salto ad Angle Beach, il punto preferito dai gay per prendere il sole o a Shorean Beach, la spiaggia nudista, anche se non ufficialmente. Nel fine settimana tutti a fare il bagno e a rimorchiare a Telscombe Cliffs, auna decina di minuti di autobus dal centro.

Ma a Brighton l’appuntamento gay assolutamente da non perdere è la Pride Parade. Si tratta della sfilata piú importante del Regno Unito con oltre 60 carri che percorrono il lungomare e che per un fine settimana attirano la gran parte di gay della vicina capitale e delle altre città inglesi.

Quest’anno la Parade si svolgerà il prossimo 29 di luglio e il tema è “La celebrazione dello Schermo d’Argento”, ossia il glamour di 75 anni di cinema hollywoodiano. Nella gran festa finale, che si svolgerà nel Preston Park in puro stile notte degli Oscar, saranno premiati i carri nelle seguenti categorie: Miglior Costume, Miglior Banda Sonora, Miglior Coreografia, Il Piú Colorato e Il Piú Originale.

Accanto ai quaderni e al costume da bagno non dimenticate, dunque, di mettere in valigia il vestitino con le frange alla Jean Harlow o il completo bianco alla John Travolta che tanto vi donano. Sfilare su un carro è facilissimo, basta contattare l’organizzazione della Pride Parade per posta al PO Box 49 – Brighton BN2 3YY o per telefono al (01273) 73 05 62.

Divertimento, spiagge, atmosfera vittoriana e se infine incontrerete l’uomo della vostra vita (o anche solo delle vostre vacanze) in classe, durante le ore di lezione, forse non migliorerete il vostro inglese ma avrete senz’altro goduto del meglio che offre Brighton.

Per avere tutte le informazioni sulla Gay Pride Parade o per contattare l’organizzazione via e-mail c’è il sito www.brightonandhovepride.co.uk

Per informazione piú genrali vedere www.brighton.co.uk o www.visitbritain.com

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...