CAFFÈ ETERO, CAFFÈ GAY

di

Nuova Zelanda. Un gioco di parole in inglese porta dei manifesti pubblicitari in giudizio. Il caffè Fagg's pretende di essere solo 'etero'. Ma il comitato di controllo dà...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Giocare con le parole può risultare molto pericoloso. Soprattutto se si vanno a toccare quei permalosi degli omosessuali, sempre pronti a sottolineare che a scherzare sui froci sono autorizzati solo i froci stessi… O quasi. Per una volta, infatti, qualcuno ha dato loro torto.
La Advertising Standards Complaints Board della Nuova Zelanda, comitato predisposto a raccogliere i reclami riguardanti iniziative pubblicitarie giudicate offensive, ha rigettato una protesta presentata contro i manifesti del caffè Fagg’s (“fag” in inglese sta per “frocio”), dove il prodotto viene definito “the great straight coffe” (“il grande caffè ‘etero’ o ‘schietto'”), e si aggiunge: “not as Ponsonby as the name suggests” (“non tanto alla Ponsonby come sembrerebbe dal nome”, Ponsonby è il quartiere gay di Auckland).
Il comitato ha però stabilito che il cartellone non provoca offese serie o diffuse. “Il sottinteso dello slogan della Fagg’s – ha detto James Ford, marketing manager – è che siamo un caffè schietto, sincero, un caffè di cui i consumatori sanno di potersi fidare per la sua qualità, ma anche per la sua semplicità e il suo approccio terra-terra”.
“Anche il riferimento a Ponsonby è un riflesso di questa logica – ha aggiunto – Ponsonby è famosa come la capitale neozelandese del caffè, ma è anche rinomata per essere un po’ pretenziosa; noi suggeriamo che il caffè Fagg’s è della qualità che ti aspetti di trovare a un bar di Ponsonby, anche se puoi godertelo in un ambiente più rilassato, a casa o in ogni altro posto diverso da Ponsonby”.
Il giornalista di NZGay.com, Chris Banks ha commentato: “Tuttavia Ponsonby è nota tra la gente, bevitori di caffè e non, per avere una connotazione molto gay. Associare Ponsonby a un caffè che si chiama Fagg’s, e poi etichettarlo come un caffè ‘straight’… non vorrete mica farci credere che tutto questo sia solo una strana coincidenza?”

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...