CANARIE: NOTTI DA SINGLE!

di

"Il mare è bello, ma il massimo è la vita notturna. Ed è facilissimo fare amicizia". Un lettore racconta la sua esperienza di vacanze a Gran Canaria. "In...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
2263 0
2263 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Clicca qui per ulteriori informazioni su Gran Canaria

Questo è il resoconto del viaggio che Ciro ha fatto qualche tempo fa con due suoi amici a Gran Canaria, isola dove il mare si coniuga con una eccellente vita notturna gay. Sentiamo cosa gliene è sembrato…

Siamo partiti il 25 aprile e siamo rientrati il 2 maggio. Eravamo in tre. Abbiamo scelto la Gran Canaria, perché volevamo fare una vacanza gay, allora guardando il sito Gay.it, abbiamo visto che c’erano delle buone proposte per Gran Canaria e abbiamo deciso di andare lì. Devo dire che se volevamo una vacanza gay, l’abbiamo decisamente trovata…

Abbiamo preso un volo di linea dell’Iberia , e devo dire che il volo è andato molto bene: purtroppo c’è quel problemino di fare scalo a Madrid, perché i voli di linea fanno tutti scalo lì. Comunque l’attesa non è molto lunga, anzi al ritorno è stata davvero breve. Il trattamento durante il volo è ottimo, da parte dell’Iberia. Sono anche molto puntuali. Quindi sul volo niente da dire.

L’appartamento che abbiamo scelto, non era sul mare, ma vicino al Jumbo, il centro commerciale dove ci sono tutti i locali. Preferivamo avere l’appartamento vicino alla zona dove ci sono i locali, in modo che la sera non dovevamo spostarci in taxi. Invece la mattina ci spostavamo per andare al mare, perché cambiavamo spesso la spiaggia, il luogo. Quindi con l’appartamento ci siamo trovati molto bene, perché anche se era una collocazione senza troppe pretese ma carina, abbiamo potuto godere della vicinanza con la zona dei locali.

Per quanto riguarda la vita, abbiamo fatto un po’ di mare la mattina, ma soprattutto molta vita notturna, perché comunque tutte le sere si usciva, e si rientrava verso le cinque o le sei del mattino. Quindi ci svegliavamo verso l’una e facevamo il mare di pomeriggio. Qualche volta siamo rimasti anche nella piscina del residence, ma solo una o due volte, perché il mare è bello. C’è una spiaggia molto bella, molto grande, forse la cosa più bella di Gran Canaria, perché poi il luogo è un po’ simile a Rimini, palazzoni con alberghi, e cose così. Però poi dal punto di vista del divertimento è molto meglio di Rimini perché c’è tutta questa zona del Jumbo Centre in cui la maggioranza dei locali sono a tematica gay. Anche sulla spiaggia, c’è un punto dove si concentrano molti gay. Sia sulla spiaggia che nei locali è facilissimo fare amicizia. C’è gente di varie nazionalità: ci sono tedeschi inglesi, italiani (ma quando ci siamo stati noi, italiani ce ne erano pochi, perché credo che il periodo per gli italiani sia più luglio e agosto). C’erano anche molti spagnoli, perché noi siamo capitati nel ponte lungo del primo maggio, che è festa anche in Spagna, quindi abbiamo conosciuto anche molte persone di nazionalità spagnola, anche perché io so parlare solo quello e non l’inglese. Però comunque, anche al di là della lingua, l’amicizia si fa molto facilmente. E’ tutto l’ambiente che permette questa cosa: il fatto che ci siano questi locali tutti concentrati nello stesso posto, il fatto che ci sia tanta gente, il fatto di trovarsi comunque in Spagna, dove la gente è molto disponibile, aiuta. Io vedevo che anche gli altri turisti che erano lì, facevano amicizia molto facilmente.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...