DIVERTIRSI A SITGES

di

Idee alternative per una vacanza in Spagna

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
699 0
699 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Potreste essere una di quelle persone che vanno in vacanza ogni cinque minuti, oppure persone come me, che l’ultima volta che si sono decisi a andare via, l’areoplano andava ad elica…

Be’, quest’anno ero stufo di sentire tutti i miei amici che mi raccontavano delle loro vacanze al sole. Così ho deciso di portare il mio culo stanco in un aeroporto.

La domanda era: dove andare? Una sola cosa era certa, doveva essere un posto frequentato da omosessuali.

Il progetto iniziale era che in otto si andasse a Ibiza. Ma cercare di fare in modo che più di due regine fossero nello stesso posto contemporaneamente per una notte fuori, il tutto protratto per una settimana, è come cercare di fare un buco nell’acqua.

Basti dire che, man mano che la gente si rendeva conto che non l’avrebbe potuto sopportare, o che il loro nuovo tenero amante aveva paura di volare, avevamo già eliminato tre di noi, e di conseguenza, Ibiza cominciava a dissolversi in lontananza.

Così abbiamo telefonato a un’agenzia gay-friendly, e loro sono stati magnifici, e ci hanno proposto di organizzare tutto… Che stupidi, noi! No, abbiamo deciso di fare tutto da soli. Questo è stato l’inizio dell’avventura.

Per farla breve, dopo aver deciso per Sitges, e di cercare un volo economico, siamo finiti in una cittadina chiamata Vilanova I La Geltru.

Comunque, in tutta onestà, posso dire che la nostra settimana al sole si è rivelata essere decisamente più eccitante e interessante…

Vilanova era a soli sei minuti e 150 pesetas di treno da Sitges.

Non mi fraintendete, sono sicuro che mi sarebbe piaciuto passare una settimana di bevute smodate, sesso sfrenato e bagni di sole, circondato da meravigliosi dèi del sesso abbronzati, come di solito avviene a Sitges, ma abbiamo passato invece solo tre notti lì (per inciso, l’ultima discoteca chiude alle sei del mattino e il primo treno per tornare è alle 6.15).

Vedete, ci possono essere altre cose da fare nella vostra settimana di vacanza. A parte il fatto che la spiaggia di Vilanova era più grande e più tranquilla di quella di Sitges, e ha anche vinto dei premi per la sua pulizia, noi abbiamo deciso di noleggiare una macchina e di fare un po’ di esplorazioni.

A un’ora di macchina da dove stavamo, abbiamo scoperto un parco sul tema Universal Studios chiamato Port Aventura. Dopo esserci inzuppati in una giostra acquatica divertentissima (tenendo in mente che siamo in Spagna qui, quindi il tempo per asciugarsi è decisamente basso) mi sono lasciato convincere ad andare su delle enormi montagne russe. Be’, non sono mai stato tanto spaventato in vita mia, infatti non ho nemmeno gridato, ero troppo occupato a cercare di non bagnarmi i pantaloncini di nuovo…

Per rendere giustizia a questi parchi a tema, ci vorrebbe un intero articolo. E’ stato divertente, e con tempi d’attesa davvero brevi, abbiamo avuto tempo per andare su quasi tutte le attrazioni. Posso dire onestamente che non mi sono mai divertito, spaventato, e magnificamente intrattenuto tanto in vita mia.

Siamo andati anche a un parco chiamato Aqualeon. Ancora un giorno fuori, con un sacco di scivoli acquatici, una piscina con onde, e migliaia di uomini semi-nudi. Mamma mia! Ho cercato faticosamente di non bagnarmi….

Non dico che non sono stato al foam party di Sitges, dove tutti navigano nella schiuma, o di non avere fatto una passeggiatina la mattina presto sulla spiaggia, ma consiglio anche di dare un’occhiata in giro. Andate a vedere l’incredibile Cattedrale di gaudì a Barcellona, provate il cibo nei ristoranti dove non si servono che piatti spagnoli, cercate di imparare un po’ di spagnolo. Ola!

Alcuni consigli particolari:

Port Aventura è vicino a Tarragona sulla Costa Daurada.

C’è una stazione ferroviaria sulla linea tra Barcellona e Valencia. Il viaggio è di circa un’ora eun quarto da Barcellona, 50 minuti da Sitges.

di Christian Panicucci

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...