IMPRENDITORIA LESBICA IN UMBRIA

di

Un agriturismo all'insegna della cultura e della salute

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
1037 0
1037 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Sulle colline umbre e, più precisamente, a tre km dal borgo medioevale di Monteleone di Orvieto, si affaccia sulla Val di Chiana un agriturismo gestito da Rita e Maura (nella foto con due loro cuccioli), due compagne di vita che nel 1998 decisero di dare inizio alla loro avventura imprenditoriale.

Poggio Miravalle, questo il nome dell’azienda, è un grande podere di 30 ettari che si estende su due colline dove al centro si trova il casale in tipica architettura umbra, circondato da distese di ulivi e con annessa una grande piscina panoramica. Qui, dove l’attività agricola è strettamente biologica, le padrone di casa accolgono i loro ospiti in luminosi appartamenti dagli ingressi indipendenti, le cui portefinestre si affacciano direttamente sul giardino. All’interno, oltre all’arredamento curato con gusto, i clienti e le clienti saranno lieti di degustare i vini di loro produzione offerti in omaggio dall’azienda. Un ambiente accogliente e sano, un luogo magico tutto da godere, attività campestri e itinerari culturali da vivere e scoprire in piena libertà.

A Rita chiediamo di spiegarci cosa le ha spinte verso questa scelta:

Naturalmente sono molte le cose che ci hanno motivato, una su tutte la voglia di fare qualcosa insieme. Io abitavo in paese e Mara in città, ci siamo mosse per costruire qualcosa che ci permettesse di vivere diversamente.

Come ci siete riuscite?

Innanzitutto partendo da zero – spiega Mara – valutando le nostre risorse in quel momento, i finanziamenti all’agricoltura che allora non erano granché, decidendo di chiedere prestiti. Il nostro vantaggio è stato quello di avere in Rita una persona con dell’esperienza, lei è infatti tuttora la presidente di una cooperativa agricola e sa come muoversi, ed è stata anche tra le creatrice del campeggio “Terra di Lei” a pochi km da noi quindi… Diciamo che comunque i sacrifici non sono mancati, ma ne valeva la pena!

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...