LA STAGIONE DELLA MOTO

di

Con la primavera, partono i raduni per motociclisti gay e lesbiche, e i loro fitti calendari. Quest'anno per la prima volta si terrà in Italia il Campo Estivo...

6345 0

Torna la primavera, e mentre i rami si riempiono di boccioli e le giornate si allungano… i centauri tolgono il telo dalla loro moto, montano in sella e riprendono il cammino! La comunità gay e lesbica, che da sempre ha subìto il fascino delle due ruote, non è da meno, e i gruppi di motociclisti omosessuali italiani presentano i loro fitti calendari di appuntamenti con gite, incontri, cene all’insegna dell’amore per il viaggio e della voglia di conoscersi.

Partiamo dal Comog che nello scorso mese di marzo ha festeggiato il suo terzo anno di vita. Il 2004 sarà un anno importante per la prima organizzazione di motociclisti gay e lesbiche italiana; sarà l’anno del debutto a livello internazionale; l’anno che vede per la prima volta l’organizzazione del Summercamp nel nostro paese. Il Summercamp è l’appuntamento estivo di spicco del GLME (Gay and Lesbian Motorcyclists in Europe), e raccoglie centinaia di adesioni da decine di paesi, e ogni anno si svolge in un paese diverso. L’anno scorso si tenne in Gran Bretagna, a Exeter: nel 2004 si svolgerà in Toscana, con alloggio a Pomarance.

E’ la prima volta che questo importante appuntamento si tiene in Italia. «L’idea di proporci per l’evento nasce dalla grande coesione che c’è tra i soci – raccontano i motociclisti del Comog – L’impegno è grande e la voglia di far bene tanta. Trovare l’albergo che ospiti almeno 120 persone, organizzare i tour motociclistici, i tour culturali, gli intrattenimenti serali, la ricerca dei gadget sono un impegno duro ma che tutti noi viviamo come un grande gioco. La risposta dei gruppi stranieri ci sta appagando degli sforzi che stiamo facendo, tant’è che in periodo di pre-iscrizione il numero delle richieste supera abbondantemente quella che è la capacità della struttura che ci ospita». Proprio così, il Summercamp edizione italiana ha già registrato il tutto esaurito, ma è ancora possibile iscriversi nella lista d’attesa direttamente dal sito del Comog.

Oltre al Summercamp, vi è l’attività ordinaria del gruppo da mandare avanti con un calendario ricchissimo di eventi (da vedere sul sito www.comog.it) organizzati per aree geografiche. C’è la Pasqua in moto in Lombardia, il weekend del 24 e 25 aprile tra Italia e Slovenia gestita dal gruppo friulano, l’1 e 2 maggio in Toscana… E nel finesettimana dell’8, 9 e 10 maggio, il gruppo dell’Emilia organizza un simpatico ritrovo per i motociclisti orsi, chiamato “Bears n’ Bikers“, con serata al Cassero e naturalmente grandi giri in moto il sabato e la domenica.

Il Comog è in fase di netta crescita: il numero di soci oggi supera, a stagione non ancora iniziata, quota 70. «Il 2004 – raccontano ancora al Comog – è anche l’anno che vede iscritte al nostro gruppo le prime ragazze che speriamo vengano seguite da molte altre, perché ci mancano e le cerchiamo». Lo spirito che unisce i soci è semplice: «cameratismo, gioia e passione per le due ruote. Tutti sempre pronti ad aiutare chi con la moto ha minor dimestichezza prodigandosi in suggerimenti e aiuti. Passione che contagia chi ha sempre fatto solo il passeggero e che improvvisamente diventa guidatore lui stesso, comperandosi una moto e cominciando a cavalcarla». Insomma, Comog è riuscito a cambiare la vita di molti, offrendo momenti nuovi, amicizie nuove, gioie nuove.

«Qualcuno ci chiede quali difficoltà si hanno nel portare avanti un gruppo così; nessuna è la risposta che mi viene da dare perché ciascuno di noi, ogni singolo socio, può e vuole dare il proprio contributo affinché gli incontri siano più frequenti. Forse l’unica vera difficoltà sta nel fatto che la stagione della moto è troppo breve rispetto a quello che vorremmo fare».

Anche il GAM, Gruppo Alternativo Motociclisti, nato alla fine di marzo 2002, ha presentato il suo calendario degli appuntamenti, fitto come sempre. L’intento del GAM è quello di creare un gruppo di amici affiatato, con lo scopo di percorrere chilometri di strade a cavallo delle nostre amate due ruote, visitando luoghi suggestivi e stringendo nuove amicizie, al GAM non c’è una particolare tipologia di motocicletta, custom, naked, supersportiva o enduro non fa differenza, adatto sia a chi va veloce che lento, l’importante nel gruppo è stare bene insieme, divertirsi e scoprire nuove strade.

La stagione 2004 si aprirà ufficialmente il 1° maggio, con un pranzo sulle colline del Chianti, a casa di alcuni dei fondatori dell’associazione. Il weekend lungo, anzi lunghissimo che va da domenica 30 maggio a mercoledì 2 giugno – festa nazionale – si terrà il 3° motoincontro attraverso i parchi d’Abruzzo con partenza da Roma: alla sua terza edizione, il motoincontro risulta sempre uno degli appuntamenti più interessanti per la vastità del suo territorio da percorrere.

Sabato 12, domenica 13 giugno, in collaborazione con il Comog, si svolgerà il Motogayo nell’entroterra marchigiano-romagnolo. Un’escursione sull’Appennino Tosco-Romagnolo, che dalla Romagna va a toccare le Marche, con sistemazione in albergo nella zona di Misano, nei pressi dell’autodromo Santa Monica di Misano Adriatico che è sicuramente uno dei più frequentati dagli appassionati di moto. E il programma prosegue con appuntamenti a cadenza regolare fino ad ottobre inoltrato. Quando, con l’arrivo del freddo, si tornerà a mettere la moto sotto il telo. In attesa della nuova primavera.

Lampeggi a tutti.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...