MARDI GRAS: PARTE IL DELIRIO

di

E' tutto pronto per la calda estate di Torre del Lago: quattro giorni di musica, feste, spettacoli, ma anche dibattiti e ospiti importanti. Fino al concerto di Alexia.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
528 0
528 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


TORRE DEL LAGO (LU) – Dopo polemiche e incertezze inizia domani, a Torre del Lago, il cosiddetto gay pride toscano. Drag queen, spettacoli musicali, balli e concerti. Ma anche dibattiti su temi sociali forti, come la maternità lesbica e il problema del riconoscimento delle coppie gay: questi i temi della quinta edizione del Friendly Versilia Mardi Gras.

Per quattro giorni, all’insegna del divertimento e della trasgressione, gay e lesbiche si daranno appuntamento sul lungomare di Torre del Lago, la cittadina versiliese nota per il suo legame con il compositore Giacomo Puccini. L’appuntamento, ormai una sorta di ‘must’ ferragostano non solo per gli omosessuali, inizierà giovedì 14 agosto e proseguirà fino a domenica 17.

“Piatto forte” del Gay Pride sara’ l’attualità: ogni sera alle 21 verrà organizzato un dibattito diverso. Si inizia il 14 agosto con il ‘Pacs’, ovvero il Patto civile di solidarietà, la proposta di regolamentazione delle unioni delle persone dello stesso sesso, con l’intervento dell’onorevole Franco Grillini; si prosegue a Ferragosto con la maternità lesbica; il 16 con l’esperienza dei transessuali da donna a uomo; infine il 17 agosto forum conclusivo sui rapporti tra comunita’ omosessuale e comunicazione.

Dopo i temi impegnati, la notte proseguirà all’insegna della musica e del divertimento: in programma l’elezione di Mister Friendly Versilia, le Drag Queen canarine, la partecipazione di Vladimir Luxuria e i concerti dei Merqury, dei Super Zoo, di Dolcenera, di Paolo Meneguzzi. Il 17 agosto gran finale con l’ esibizione di Alexia.

La serata di Ferragosto sarà anche l’occasione per assegnare un premio di 1000 euro al personaggio gay dell’ anno: la scelta è caduta su Franco Barbero, l’ex presbitero della comunità di base di Pinerolo ridotto allo stato laicale il 13 marzo scorso. Barbero, che celebrò il suo primo matrimonio omosessuale nel 1978, devolverà i soldi all’Associazione Viottoli per la quale collabora.

Dopo le polemiche con i cittadini di Torre del Lago (non volevano il Festival a causa degli schiamazzi notturni e del conseguente traffico caotico nella zona), gli organizzatori promettono un ‘occhio di riguardo’ per gli abitanti: “Per tutti i residenti di Torre del Lago l’ingresso sarà gratuito – hanno annunciato gli organizzatori – in questo modo intendiamo agevolare la partecipazione degli abitanti alla manifestazione, convinti che conoscere ciò che accade sulla marina sia il miglior modo per superare pregiudizi e incomprensioni”.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...