NOTTI-GAY SU PERCORSI ALTERNATIVI

di

Una guida giorno per giorno alla Milano tutta da vivere: pubblico giovane, locali dove si suona una musica pop-rock vicina a MTV, e dove etero e gay convivono...

1213 0

Milano gay di notte è conosciuta, ogni anno ci sono i soliti locali, le novità ma ci sono anche percorsi alternativi. Talvolta la scelta di una musica piuttosto che un’altra determina e caratterizza il pubblico, si creano così nuovi circoli più o meno ristretti. Propongo qui una mappa di Milano gay che ha trovato riscontri sempre più vasti soprattutto nell’ultimo anno: locali non strettamente gay ma dove molti ragazzi hanno trovato la forza per il loro coming-out. Frequentati da un pubblico giovane si distinguono perchè non si suona techno, house o discodance ma una musica pop-rock più vicina a MTV e a quella di certi locali londinesi come il Trash, il Popstarz o di qualche pub remoto nel rock district di Camden. Si respira un’aria dove etero e gay convivono pacificamente, non ci sono distinzioni caratterizzate da scelte sessuali, ci si mischia perfettamente in gloria di party-time; non sono posti esplicitamente cruising ma sicuramente hot dopo una certa ora.

Tralasciando lunedi e martedi per rimettere in sesto le energie perse iniziamo la nostra settimana di clubbing e non al mercoledi.

MERCOLEDI

ATOMIC BAR- via Casati (traversa di corso Buenos Aires)- bar con dj, piccolo ma ben arredato, gusto newyorkese, ottimi drinks a prezzi normali; scelta musicale: pop rock ma anche elettronica e qualche hits anni ottanta. Non si balla ma si conversa in un’atmosfera piacevole e disimpegnata.

Inaugura il 20 settembre la serata “Velvet Goldmine” del RAINBOW CLUB di via Besenzanica 6 che propone una serata all’insegna del glam-trash rock con personale inglese e dj di Londra. Di rigore come look la matita nera sugli occhi, possibilmente sbavata, total look nero e pailelletes. Insomma un posto dove sentirsi David Bowie in versione Ziggy o Marc Bolan dei T-Rex. Musica, rock anni ’70, glam-rock e special guests, per la prima serata suona Mark Morris, dj famosissimo nella Londra alternativa nonchè cantante dei Bluetones.

GIOVEDI

Il 14 settembre riapre il GASOLINE di via Bonnet con la serata che l’ha portato al successo. “Popstarz” e non più Popscene vede alla consolle NancyPosh e TommyBoy. La playlist di quest’anno come da flyer vede alternarsi Placebo, Morrissey, Duran Duran, Pulp, Depeche Mode, Madonna, Visage, Pet Shop Boys, Hole, Suede ecc. ecc. Il meglio della musica degli ultimi vent’anni presentata da uno staff capitanato da Roxy, la pr più controversa, chiacchierata e conosciuta dalle popstars inglesi (chiedete agli Oasis o ai Placebo). Locale buio e delirante già dalla scelta dei colori, viola glitter e argento, gay che baciano etero e etero che baciano gay, ospiti famosi che ballano e rotolano per terra con i clienti, supervixen in drag e teenagers debuttanti nella fumosa notte milanese. Questo locale a Milano ha fatto storia e ha aperto la strada a tutti gli altri.

VENERDI

Si ritorna al RAINBOW CLUB dove si riunisce la MTV generation di tutto il nord Italia, un club veramente grande che raccoglie fino a 1000 persone delle più diverse, metallari, punk, gay e amici, etero un pò buzzurri, dark, brit popians. Ingresso e drinks economici, si arriva presto e a differenza degli altri posti è talmente vasto che volendo si può chiacchierare tranquillamente. Vengono puntualmente organizzate pre-serate con i migliori gruppi musicali milanesi tra cui gli imperdibili queer-gothic Dorothy’s Finger. A mettere i dischi ci pensa Nicky che propone oltre agli hits conosciuti una selezione musicale degna dei migliori club alternativi del mondo. E’ il melting pot della settimana.

SABATO

Apre il 16 settembre “Glitter cemetary” (o Glitter motel) al CAFFE DALI’ di Largo Schuster, 3 MM Duomo. Il gruppo dei N:Y:LON riunisce in un club intimo, bar sopra e dancehall sotto, gli alternativi più fashion di Milano, i più creativi, fashion queen e dark ladies, popstars wannabes e designer emergenti. Dopo una certa ora viene proposto il bacio collettivo, un vero delirio alcolico sulle note di D:J: 412 ovvero indie, 80’s, new wave, brit. Vera sorpresa della scorsa stagione.

DOMENICA

Di prossima apertura il late-afternoon dance al BLUE KLEIN di via Vigevano, bar hi-tech con dj, tubi wood in rigoroso blue dove fare un ottimo aperitivo e ballare fino all’una di notte. Raccoglie tutti quelli rimasti in vita dopo una settimana boheme e sul tardi chi non si è stancato al GTD-Gay Tea Dance del GASOLINE.

Vi lascio sperimentare a voi una settimana così anzi ve la consiglio per uscire dai soliti giri, per ascoltare buona musica e per incontrare gente che altrimenti non incontrereste mai negli altri locali, cambiare fa bene e fortunatamente a Milano si può.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...