NUOVE ICONE DELLA MUSICA GAY

di

Versilia. Sul palco del Mardi Gras, gli artisti più in voga dell'estate: Dolcenera, Mariapia e i Superzoo, Paolo Meneguzzi, la Bugatti, e il ritorno della stellare Dee Dee...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


TORRE DEL LAGO (Lu) – Una kermesse canora che ha visto alternarsi sul palco i beniamini dell’estate 2003 è stata il piatto forte della terza serata del Mardì Gras sul lungomare di Torre del Lago.

Ad aprire lo show condotto da Fabio Canino è stata Cristina Bugatti, transessuale celebre per la polemica che scaturì fra Sgarbi e Baudo quando quest’ultimo pose un veto alla partecipazione della Bugatti a Sanremo 2003. Cristina si è presentata sul palco assieme a Jade e Andy, che con lei formano il gruppo degli Starsmusic, e il pubblico si è scatenato sulle note del loro nuovo singolo “Give me your smile”.

Sul palco è poi salita Dee Dee Jackson, forse sconosciuta ai giovanissimi, ma senza dubbio una delle cantanti più significative della lunga stagione della disco dance anni ’70 e ’80. Dee Dee ha riproposto “Meteor Man”, hit che nel 1979 la portò a scalare le classifiche di tutto il mondo, ma questa volta senza quei costumi galattici che caratterizzarono la sua immagine negli anni di maggior successo. Dee Dee ci ha rivelato quanto fosse importante per lei essere presente al GayPride: “Essendo una cantante degli anni ’80 il movimento gay fa parte del mio pubblico. Per me era un dovere essere qua”.

É stata poi la volta dei giovanissimi Mariapia e i Superzoo che hanno riproposto “Tre fragole”, brano con cui hanno partecipato all’ultima edizione del Festival di Sanremo. “Essere qua stasera è bellissimo”, ha detto Mariapia, “Qui tutto è veramente fantastico. Ero già stata in studio a Gay.tv, ma l’atmosfera di questa manifestazione è davvero unica”. Mariapia deve la sua notorietà al programma televisivo “Saranno famosi” che l’ha lanciata nel mondo della canzone, ma non molti dei partecipanti a questi concorsi in Tv sono riusciti a farsi strada nel firmamento dello spettacolo. Le abbiamo chiesto perchè e ci ha risposto che “l’importante è inseguire un sogno e non restare vincolati alle troppe partecipazioni televisive legate a questi show, ma staccarsene e intraprendere la propria strada”. Mariapia consiglia ai tanti giovani che affollano i casting delle scuole di spettacolo televisive di non andare perchè semplicemente spinti dalla fame di successo, ma solo se si ha un sogno ed in questo si crede davvero. “C’è da lottare molto”, ha concluso Mariapia.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...