RAGAZZI CHE ODIANO RAGAZZI?

di

Omosessualità e scuola dopo il caso Novara. Piergiorgio Paterlini e Gianni Vattimo intervengono sull'argomento e commentano i risultati della nostra inchiesta. - Dario Remigi negli SPECIALI

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


^SP. PATERLINI: "La colpa è della scuola"^s

Piergiorgio, come valuti l’episodio di omofobia della scuola di Novara?

Penso che il fatto sia gravissimo: per le frasi espresse dai ragazzi e perché dei "minorenni" parlavano con nome e cognome. Detto questo – e non sembri contradditorio – io non sono così sicuro che l’omofobia fra quei ragazzi sia così diffusa e così profondamente radicata. Penso si sia innescato il classico meccanismo del "branco", dove si fa a gara a chi la spara più grossa contro quei maledetti finocchi. Presi uno a uno, secondo me, una parte di quei ragazzi è diversa. Penso addirittura che se ci fosse stato fra loro un leader che avesse detto "gay è bello" molti avrebbero risposto "gay è bello". Il punto cruciale mi sembra riguardi le responsabilità della scuola.

Tuttavia, facendo esercizio di realismo, non può sorprendere il fatto che un moderato razzismo si nasconda in Italia sotto la maschera del "politically-correct"…

Certo, l’omofobia esiste. E io temo assai di più chi se la tiene per sé perché pensa "non stia bene", oggi, essere razzisti di chi dice esattamente quello che pensa. Se un vantaggio tutta questa storia ha prodotto è che l’omofobia reale che in quella scuola come altrove esiste è emersa, e dunque la si può affrontare.

Per quanto riguarda la scuola, si è trattato solo di una "culpa in vigilandi" o ci sono responsabilità più pesanti, a tuo giudizio?

Credo che il comportamento della scuola sia stato inqualificabile. La "culpa in vigilandi", come tu la chiami, o comunque l’errore non giustifica quanto è successo: esiste infatti una gerarchia degli errori. Ubriacarsi da soli e andare a dormire è una cosa, ubriacarsi poi mettersi alla guida di un pullman su tornanti di montagna è un’altra. Nel caso di Novara la scuola ha permesso che succedesse questa seconda cosa!

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...