SABATO SERA A CASA DI REGINA

di

Apre il 2 ottobre l'Hub, la nuova gaydisco toscana nata dall'esperienza del Mama Mia. Tre sale, scelte musicali diverse, animazione rinnovata. La padrona di casa ci illustra le...

817 0

PISA – Un posto adatto a tutti i gusti. Ecco l’HUB, la nuova discoteca gay e lesbica toscana che inaugura a Lucca sabato 2 ottobre. Tre sale, scelte musicali diversissime, prezzi ridotti, animazione rinnovata, angolo lesbo e soprese a non finire. Questi alcuni degli ingredienti di questa ennesima sorpresa targata Mama Mia Staff. Già: l’HUB nasce infatti proprio dall’esperienza del mitico locale estivo di Torre del Lago, e ne vuole tradurre in qualche modo lo spirito e il dievrtimento. Per questo motivo sarà Regina Miami la padrona di casa, accompagnata come sempre dall’affascinante Markesa.
Prima di chiedere a Regina di introdurci a tutte le novità del locale, diamo un’occhiata alle offerte. Partiamo dalla musica: nella sala commerciale, la tradizione del Mama Mia sarà riconfermata con Gianluca dj e la sua selezione commerciale e, dopo le 2, con Riccardo dj. Nell’altra sala, si alterneranno i migliori dj house: Matteo Cassano, David Togni, Francesco Belais e moltri altri. Ci sarà anche una terza sala, realizzata in un luogo decisamente particolare, con una selezione musicale molto forte, genere deep house e tribal. A scegliere la musica per questa “hardzone”, destinata a un pubblico maschile ed adulto, sarà Miss Q Lee, che abbiamo già incontrato molte volte la domenica pomeriggio al Mama, nella stagione 2003. Il volume della musica sarà tale per cui ci saranno diverse zone dell’HUB (lounge bar, bar house e giardino) in cui sarà comunque possibilissimo chiacchierare.

Regina, che vuol dire che l’HUB è una discoteca che nasce dall’esperienza del Mama Mia? Ritroveremo al chiuso l’atmosfera che abbiamo conosciuto sul Lungomare di Torre del Lago?
L’Hub nasce dalla voglia di non perdere e quindi consolidare il rapporto con il pubblico del Mama, quindi si è deciso di mantenere in vita un’estate virtuale e di permettere al nostro pubblico, meglio se si dice “ai nostri amici”, di rimanere con noi. Purtroppo però l’atmosfera del Mama la si può ritrovare solo al Mama e da nessun’altra parte. Quindi si è deciso di creare una nuova situazione e una nuova atmosfera, guardando anche quello che capita in giro per il mondo. Aspettando di ritornare a Torre la prossima estate.
Raccontaci cosa succederà davvero all’Hub. Ho letto che si comincia già dalle 22.30 come Lounge Bar. E sarà aperto solo il sabato? E’ proprio una discoteca o qualcosa in più?
Allora il locale aprirà alle 22.30 e si avrà accesso solo ad una delle zone del locale: la zona lounge dove si potrà bere e chiacchierare, e siccome il locale è stato ideato come un mio loft fittizio, ci sarò io ad accogliere i miei ospiti all’interno e Markesa invece li attenderà sulla porta, tipo impaziente lei… Dalla zona lounge si potrà solo intravedere cosa riserva la serata e il locale, dopo di che verso le 00.30 i “miei ospiti” entreranno nel vivo del locale e prenderanno parte alla serata, che riserverà molte sorprese… Diciamo che chiamarlo locale non è il nome esatto… diciamo che è la mia residenza invernale… E i miei ospiti li invito solo il sabato.

Uno dei punti di forza, ma anche uno dei punti criticato da qualcuno, del Mama riguarda la compresenza di clientela gay, lesbica e etero. Anche in questo pensi che l’HUB sarà uguale?
No, tutte le feste private in casa hanno una selezione degli ospiti, quindi il problema “etero molesti” non sussisterà. Se dovesse accedere, vorrà dire che sarà la volta buona che gli etero molesti conosceranno i gay molesti…
Ma di una nuova discoteca gay in Toscana, che bisogno c’era?
Il motto è “conosciamo posti nuovi” sennò il Mama solo rischia di diventare “la solita routine”. Allora si dimostra che oltre alla solita routine si può e si sa proporre cose nuove.
Parliamo di te: non sei stanca della Toscana? Dì la verità, avresti una gran voglia di tornartene a Torino, eh?…
Io stanca della Toscana? E come potrei? Non ci si stanca mai di questa terra e del calore della sua gente (frase da attrice holliwoodiana che si trasferisce in Italia…). Scherzi a parte, mi è sempre piaciuto girare e devo dire che qui in Toscana mi diverto un sacco e quando ho voglia di staccare torno a Torino, dove i miei genitori mi fanno tornare alla realtà domandandomi: “perchè non ti trovi un lavoro serio e ti sposi?”.
Per informazioni, liste e quant’altro, consultate il sito www.hub.fm

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...