SOTTO L’ALBERO, UN FILM GAY

di

Videoconsigli per gli acquisti di Natale: per gli adolescenti, "Beautiful thing", per mamma e papà "Il più bel giorno della mia vita", per le lelle, "Women". Un regalo...

1445 0

Idee per un regalo all’ultimo minuto? Perché non una videocassetta o un dvd a tematica gay? Che sono economici, fanno sempre bella figura, non si rischia di sbagliare (chi non ha almeno il videoregistratore se non il lettore dvd?) e poi si possono acquistare direttamente online, senza sforzo in affannate code nei negozi, all’indirizzo www.gay.it/shopping//video. Ecco una guida ragionata per orientarvi tra le molteplici proposte del ricco mercato dell’OMOvideo:
^SPer un adolescente^s

Avete un amico gay minorenne. Avete scoperto che vostro figlio è gay e ha bisogno di modelli positivi. Vi piacciono giovani giovani. Niente di meglio che ‘Beautiful Thing‘ di Hettie MacDonald, una delle migliori ‘teenage comedy’ gay prodotte negli ultimi anni, una fiaba metropolitana inglese illuminata dalle calde note della musica solare dei Mamas & Papas. Nella grigia periferia dei casermoni popolari londinesi, sotto la canicola di un’estate torrida, il fragile Jamie si innamora del vicino Ste maltrattato da padre e fratello. Mamma Sandra comprende e cerca di aiutarli. Chi non si identificherebbe in uno dei protagonisti di una storia romantica dai toni realistico-proletari alla Ken Loach?
Oppure, se il destinatario del regalo ama il balletto, non fategli mancare sotto l’albero l’ormai classico Billy Elliot (attenzione però, il protagonista detesta la boxe ma è etero) con lo spigliatissimo Jamie Bell che si ritrova a ballare un gayissimo Lago dei cigni tutto al maschile.
^SPer la famiglia tradizionale^s

Ideale per mamma e papà, ma anche per i nonni (e se non sanno sarebbe un’utile pulce nell’orecchio). E’ la migliore commedia italiana del 2002, e parla anche di gay attraverso il coming out di un figlio trentenne (il bravo Luigi Lo Cascio) nei confronti della mamma (un’esemplare Virna Lisi). Si tratta de ‘Il più bel giorno della mia vita‘ di Cristina Comencini e nel cast ci sono anche le delicate e intense Margherita Buy e Sandra Ceccarelli.
E finalmente si vede una coppia gay che fa la spesa e parla di bilanci famigliari. Chi vuol far l’americano compri ‘American Beauty‘ di Sam Mendes. Anche lì la famiglia è un covo di serpi ma almeno la coppia di vicini gay è l’unica che si salva. Disponibili entrambi anche in dvd.
^SPer la famiglia alternativa^s

Per un amico etero o per l’amico compagnone gay: ‘Le fate ignoranti‘ di Ferzan Ozpetek (vhs e dvd). Perché è il migliore film gay italiano degli ultimi vent’anni, nonché quello di maggior successo (verificare quindi prima che il destinatario del regalo non l’abbia già visto). E poi perché dimostra che i gay sanno essere solidali tra loro, diventare anche grandi amici, nonché alleviare le anime delle donne etero in pena. Quindi indicatissimo anche per l’amica ‘frociara’. Dello stesso autore, nei due formati, da consigliare anche l’etnico ‘Il bagno turco‘ con Alessandro Gassman e Francesca D’Aloja.
^SPer l’amico un po’ agè o per lo zio settantenne da sempre single^s
Demoni e dei‘ di Bill Condon. Perché è il film gay che meglio mette a confronto due generazioni attraverso il personaggio del regista James Whale, creatore di Frankenstein, e del muscoloso giardiniere un po’ rude che diventa suo amico. Toni elegiaci, struggimenti sul fragile filo della memoria, grande classe e interpretazione sublime di Ian McKellen, il più bravo attore dichiaratamente gay del mondo. E il felice ricordo dei party nella piscina decorata da corpi perfetti non potrà non sciogliere chi le orge non le può più fare.
^SPer il cinefilo o perché sono i più belli^s

Senza ombra di dubbio: ‘Tabù – Gohatto‘ di Nagisa Oshima. Perché potrebbe concorrere al concorso del film gay più bello della storia del cinema. E vincere. Grandissima prova d’autore di un maestro ineguagliabile del cinema giapponese, riflessione elegantemente zen sulla forza del desiderio che piega le spade dei samurai al semplice sguardo di un efebico novizio. Protagonista Takeshi Kitano e musiche di Ryuichi Sakamoto: un puro orgasmo lacrimale per gli occhi del (fro)cinefilo che potrebbe avere scompensi emotivi e/o ormonali dopo l’inquadratura finale del ciliegio reciso.
Oppure ‘Tutto su mia madre‘ di Pedro Almodòvar (disponibile anche ‘La legge del desiderio’) perché è il film più umano, più toccante e più bello – almeno fino a ‘Parla con lei’ – del migliore regista gay vivente.
^SPer chi ama le cinebiografie^s
Per scoprire un classico autore gay, ‘Wilde‘ di Brian Gilbert. Perché Stephen Fry è la reincarnazione di Oscar Wilde e perché un film inglese, curato, raffinato e formalmente impeccabile è sempre un regalo elegante.

Per conoscere invece un poeta poco noto, ‘Prima che sia notte‘ di Julian Schnabel. Per scoprire i versi vibranti e appassionati di Reinaldo Arenas, poeta cubano morto di Aids a New York nel 1990 e imprigionato per due anni nella fortezza de Il morro a L’Avana. Memorabile l’interpretazione del taurino Javier Bardem (Coppa Volpi a Venezia e Gran Premio della Giuria al film) e un insolito Johnny Depp nella doppia parte di un aguzzino e di un travestito che riesce a portar fuori dal carcere le poesie di Arenas nascondendosele nel sedere.
^SPer chi ama la musica^s
Due classici che non hanno bisogno di commenti e che si possono vedere mille volte: ‘Victor Victoria‘ di Blake Edwards e ‘The Rocky Horror Picture Show‘ di Jim Sherman. Per scoprire una novità, ‘Hedwig‘ di John Cameron Mitchell, delirio rock di una drag queen operata ma non troppo che da Berlino Est approda con successo negli Usa. I’m just a sweet tranvestite.
^SPer chi ama i trans^s

Il succitato ‘Hedwig‘ oppure ‘La moglie del soldato‘ di Neil Jordan, il più bel film su un trans mai girato, in realtà un bizzarro noir mezzo melò tra attentati dell’Ira e una parrucchiera sessualmente borderline che si innamora corrisposta di un carceriere etero. Da recuperare l’inosservato ‘Princesa‘ di Enrique Goldman, dolente odissea in stile quasi documentaristico di un transessuale malato di Aids, tratto dall’omonimo libro autobiografico di Fernanda Farias De Albuquerque.
^SPer le ragazze^s
Nella videoteca della fidanzata o dell’amica lesbica non può mancare ‘Women‘ di Anne Heche (che nel frattempo – argh! – si è sposata con un uomo dopo un lungo fidanzamento con Ellen Degeneres). Tre coppie di donne, non sempre giovani, le loro relazioni e il loro rapporto con una società ancora troppo diffidente. Con le sempre splendide Sharon Stone e Vanessa Redgrave.
Tutti i titoli sono disponibili su Gayshopping: le spedizioni vengono effettuate anche durante le feste

Leggi   Una Donna Fantastica è la straordinaria Daniela Vega, la rivelazione cilena da oggi al cinema
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...